Ozieri, Mercoledì 16 Ottobre 2019

Approvato il Piano per le alienazioni e valorizzazioni dei beni immobiliari

Approvato il Piano per le alienazioni e le Valorizzazioni dei Beni Immobiliari di proprietà comunale

Nella seduta del 31 marzo 2009 il Consiglio Comunale ha provveduto alla approvazione del Piano per le alienazioni e le valorizzazioni dei beni di proprietà comunale non strumentali all'esercizio delle funzioni istituzionali.
Si tratta di un adempimento obbligatorio introdotto dall'art. 58 del Decreto Legge 112/2008, successivamente convertito con la legge 133/2008.

L'importante argomento è stato illustrato alla Civica Assemblea, dall'Assessore all'Urbanistica Gianfranco Mundula il quale ha svolto una dettagliatissima relazione volta a specificare, in particolare, i beni, suscettibili di alienazione e di valorizzazione.
Sia l'assessore Mundula che il sindaco Ladu, in un successivo intervento, hanno voluto mettere in rilievo che la valorizzazione dei beni patrimoniali comunali costituisce fondamentale assetto del programma di mandato, ricordando che il Comune di Ozieri, aveva già approvato il proprio Piano di Valorizzazione degli Immobili, con deliberazione della Giunta Comunale n.99 in data 28 Marzo 2008 e quindi prima dell'entrata in vigore del decreto legge 112/2008.
Sulla base delle direttive di tale deliberazione l'Ente ha provveduto:

  • allo svolgimento di una intensa attività preliminare finalizzata alla corretta ricognizione e inventariazione dei beni immobili di proprietà del Comune;
  • al riordino e all'aggiornamento della banca dati immobiliare in possesso dell'Ente (Progetto Lariter);
  • alla redazione, con l'ausilio di una professionalità esterna, di un organico inventario dei beni immobili dell'Ente.


Il Sindaco ha, in particolare, evidenziato come "la corretta politica di dismissioni immobiliari attuata nel corso del 2008, ha consentito di raggiungere, nonostante qualche inevitabile scetticismo importantissimi risultati. Anche grazie alle operazioni di alienazione di beni immobili il Comune ha potuto reperire importantissime risorse finanziarie, utili, fra l'altro, per il rispetto del patto di stabilitÓ".
Il Sindaco ha auspicato che si possa proseguire nel cammino intrapreso anche nel prossimo triennio, "sia attraverso il completamento delle operazioni di ponderata alienazione, sia attraverso le ipotesi di valorizzazione di consistenti partizioni del patrimonio attraverso innovative forme di gestione che prevedano il responsabile coinvolgimento di adeguate partnership pubbliche e private".
In tale prospettiva l'Ente ha voluto inserire, fra le ipotesi di valorizzazione dei beni, l'esternalizzazione della gestione dei parcheggi in alcune aree cittadine (Via Cirenaica, Via Trento) e di un'area per la sosta per Camper in località Puppuruju.

Panorama aereo del centro storico di Ozieri


Di grande rilievo le prospettive legate alla utilizzazione di aree e pertinenze di proprietà comunale per la realizzazione di impianti di energia alternativa.
In cantiere anche le modalità di gestione del Parcheggio Multipiano situato all'ingresso della Città dalla Via Alcide De Gasperi.
Allo studio inoltre un interessante progetto che prevede l'esternalizzazione della gestione del Cimitero Comunale.

Un primo passo nella direzione indicata dal Piano è rappresentato dall'accordo recentemente stipulato con la ASL n. 1 di Sassari. A breve scadenza infatti il Dipartimento di Prevenzione Animale della ASL sarà ospitato presso i locali di una partizione del complesso fieristico di San Nicola.
L'assessore Mundula ha dapprima relazionato il civico consesso in ordine alle novità introdotte dal D.L. 112/2008:

  • l'inserimento degli immobili nel piano ne determina la conseguente classificazione come patrimonio disponibile e ne dispone espressamente la destinazione urbanistica; la deliberazione del consiglio comunale di approvazione del piano delle alienazioni e valorizzazioni costituisce variante allo strumento urbanistico generale. Tale variante, in quanto relativa a singoli immobili, non necessita di verifiche di conformità agli eventuali atti di pianificazione sovraordinata di competenza delle province e delle regioni. La verifica di conformità è comunque richiesta e deve essere effettuata entro il termine perentorio di 30 giorni dalla data di ricevimento della richiesta, nei casi di varianti relative a terreni classificati come agricoli dallo strumento urbanistico generale vigente, ovvero nei casi che comportano variazioni volumetriche superiori al 10 per cento dei volumi previsti dal medesimo strumento urbanistico vigente;
  • ai sensi del comma 3 dell'art. 58, gli elenchi dei beni in cui si articola il Piano, da pubblicare mediante le forme previste per ciascuno di tali Enti, hanno effetto dichiarativo della proprietà, in assenza di precedenti trascrizioni, e producono gli effetti previsti dall'art. 2644 del Codice civile ai fini della trascrizione, nonché effetti sostitutivi dell'iscrizione del bene in catasto;
  • ai sensi del comma 5 dello stesso articolo, contro l'iscrizione del bene negli elenchi di cui al comma 1 è ammesso ricorso amministrativo entro sessanta giorni dalla pubblicazione, fermi gli altri rimedi di legge;
  • il piano costituisce allegato obbligatorio al Bilancio di Previsione.


Con riferimento alle ampie facoltà riconosciute dalla Legge ai Comuni, l'assessore Mundula ha più volte rimarcato che la disamina in ordine agli immobili da inserire nel Piano delle alienazioni e valorizzazioni è stata eseguita con il massimo discernimento al fine di inserire nel Piano stesso, oltre agli immobili giÓ inseriti nei Piani annuali e triennali di alienazione riferiti agli esercizi precedenti , quegli ulteriori cespiti in relazione ai quali non sussista alcuna riserva in ordine alla sussistenza del pieno e legittimo titolo di proprietà del Comune di Ozieri. Ciò soprattutto al fine di evitare ogni possibile forma di contestazione.
L'Assessore si è infine soffermato sulla descrizione degli immobili destinati alla alienazione indicando per ciascuno di essi i principali elementi identificativi.

Anche in relazione ad alcune osservazioni da parte dei Signori Consiglieri Comunali, l'Assessore Mundula ha concluso specificando che:
- Le stime sommarie riferite agli immobili inseriti nel piano hanno assunto quale riferimento primario quello emergente dai dati catastali.
- Gli elementi identificativi di tutti gli immobili inseriti (ubicazione, destinazione d'uso, riferimenti catastali, valori di stima) andranno in ogni caso integralmente sottoposti a puntuale verifica prima dell'attivazione delle procedure di alienazione. Ciò soprattutto con riferimento alla possibile attualizzazione dei valori di stima, fondati sui dati catastali, ai valori correnti di mercato.


Consulta i documenti

  • Avviso di pubblicazionePiano delle alienazioni e valorizzazioni dei beni immobili non strumentali all'esercizio delle funzioni istituzionali
  • Deliberazione del Consiglio Comunale n. 18 "Art. 58 del D.L. 112/2008 (convertito con la Legge 133/2008). Approvazione del Piano delle alienazioni e valorizzazioni degli immobili comunali.".
  • Piano per le alienazioni e valorizzazioni Parte prima: IMMOBILI non strumentali all'esercizio delle funzioni istituzionali destinati a alienazione - Allegato alla deliberazione consiliare n. 18 del 31.03.2009
  • Piano per le alienazioni e valorizzazioni Parte seconda: IMMOBILI non strumentali all'esercizio delle funzioni istituzionali destinati alla valorizzazione - Allegato alla deliberazione consiliare n. 18 del 31.03.2009

Versione stampabile