Ozieri, Domenica 17 Novembre 2019

Lotta al randagismo

Lotta al randagismo

Approvata una coordinata serie di azioni e di misure di contrasto al randagismo.
Un contributo una tantum di € 400,00 a chi adotta un cane

A seguito delle numerose sollecitazioni pervenute da parte dei cittadini, la Giunta Comunale ha approvato una serie coordinata di azioni e di misure per contrastare e limitare il fenomeno del randagismo nel territorio comunale.
Anche il Comune di Ozieri deve infatti fare i conti con una situazione che diventa ogni giorno più difficile.

I costi per il mantenimento dei cani randagi nella struttura convenzionata aumentano di anno in anno. A fronte di tale progressivo incremento di spesa la Regione Sardegna ha, rispetto alle pregresse annualità, ridotto notevolmente i fondi a disposizione dei Comuni.

Sul modello di meritorie iniziative assunte da altri Enti Locali della Sardegna e di altre Regioni il Comune di Ozieri ha elaborato un sintetico programma di intervento che si fonda sui seguenti punti cardine:

  • attivo coinvolgimento di tutti i soggetti coinvolti;
  • rivendicazione della disponibilità di maggiori risorse da parte della RAS;
  • attivazione intese con la ASL n. 1 in ordine alla problematica della sterilizzazione dei cani;
  • sensibilizzazione della cittadinanza in ordine alle problematiche del randagismo;
  • responsabilizzazione dei proprietari dei cani di affezione in relazione alla tematica della sterilizzazione;
  • conferma degli impegni circa la realizzazione del canile consortile e della promozione di adeguate forme di gestione della struttura;
  • promozione, anche attraverso il sito web, della cultura del rispetto degli animali e di ogni utile informazione circa:
    - gli obblighi di cura e custodia che sussistono in capo ai proprietari di cani di affezione;
    - gli obblighi, penalmente presidiati che garantiscono la tutela degli animali dalla barbara e crudele piaga dei maltrattamenti, degli abbandoni e delle soppressioni.

Fra le iniziative di immediata attivazione:
- l’apertura di un tavolo di confronto con la Regione Sardegna e con l’ASL n. 1 sul tema delle risorse finanziarie per la custodia e il ricovero degli animali nonché per la loro "microchipatura" e sterilizzazione;
- la promozione della iniziativa "Adotta un cane".

Lotta al randagismo: la giunta approva un programma di intervento

Con la deliberazione n. 138 del 07.05.2009 il Comune intende infatti promuovere l'adozione dei cani ricoverati presso il Canile Convenzionato di Ittiri attraverso il riconoscimento, a chi si presti a tale forma di responsabile coinvolgimento civico, di un contributo una tantum pari a €400,00.
Le adozioni dovranno essere orientate a favorire l'inserimento dei cani in un contesto pienamente coerente con le esigenze di tutela e salvaguardia della sanità animale; anche per tale motivo le stesse dovranno essere obbligatoriamente precedute dal procedimento di "microchipatura" dei cani e di contestuale intestazione della loro proprietà ai cittadini o alle associazioni che si faranno carico della adozione.

Nella prospettiva di favorire al massimo grado l'inserimento degli animali adottandi in contesti il più possibile idonei a garantirne la custodia e la cura, l'Amministrazione Comunale si riserva di valutare con ogni dovuta ponderazione i requisiti di affidabilità dei cittadini e delle associazioni che si dichiarino disponibili ad accedere alle forme di adozione indicate nel programma.
In ogni caso di perfezionata adozione i competenti organi ASL, la Polizia Municipale e il Servizio Igiene Comunale garantiranno, insieme alla necessaria assistenza ai soggetti coinvolti, l'attento monitoraggio delle condizioni di inserimento degli animali adottati.


Documentazione

  • Deliberazione n. 136 del 07 Maggio 2009
    "Azioni e misure di contrasto al fenomeno del randagismo. Indirizzi e direttive della Giunta Comunale"
  • Deliberazione n. 138 del 07 Maggio 2009
    "Promozione adozioni cani ricoverati presso il canile Società Agricola Beniamino Casu & C. di Ittiri – Incentivi"
  • Programma di Interventi in ordine alle problematiche randagismo.

Versione stampabile