Ozieri, Domenica 22 Settembre 2019

Sa Losa de Osana, il libro di Gianfranco Pintore

Lo scrittore Gianfranco Pintore presenta il libro "Sa Losa de Osana"

Sabato 12 Dicembre alle ore 18 nella Sala Convegni del Centro Culturale San Francesco.

Il nuovo libro di Gianfranco Pintore sullo sfondo della Valle del Cedrino: un archeo-triller ambientato a Onifai. Il libro, edito sia in limba sarda comuna (Lsc) che in italiano con il titolo "La stele di Osana", sarà presentato sabato 12 dicembre alle 18 nella sala convegni del centro culturale San Francesco, (dallo scrittore Antonimaria Pala poeta e scrittore, coautore con Paola Alcioni del romanzo in sardo Addia, esperto di musica sarda, ha partecipato alla promozione della proposta di legge popolare sul bilinguismo, Coofondatore quest'anno di Su Comitadu pro sa limba sarda.) alla presenza dell'autore.
L'appuntamento è inserito nel programma di promozione alla lettura "Autunno Piovono Libri" organizzato dall'Assessessorato alla Cultura, la Coop Liberos della biblioteca di Ozieri e la collaborazione della Coop. Colibrì.

Il libro

Sarbana, una giovane archeologa di Linnasartas (Orosei) insieme a degli amici di Remules (Irgoli), scopre nelle campagne di Osana (Onifai), una lapide scritta con le lettere di quattro lingue antichissime. La donna capisce che lo straordinario ritrovamento potrebbe sconvolgere la storia della scrittura antica nel Mediterraneo e mettere in crisi consolidati luoghi comuni e pregiudizi.
Un pericolo insomma per le verità accademiche ormai acquisite che metterebbe a repentaglio non solo aspetti storico-culturali ma anche interessi baronali e relative rendite di potere. Per impedire che la scoperta susciti l'interesse che merita, il ministero dei Beni culturali e la Soprintendenza archeologica cercano di intimidire l'archeologa e la denunciano ai carabinieri.
A Sarbana così non resta che rivolgersi a un anziano etruscologo fiorentino e a un epigrafista basco. È questa la trama di "Sa losa de Osana", l'ultimo libro dello scrittore giornalista Gianfranco Pintore, un archeo-thriller con sfumature politico culturali ipoteticamente ambientato nelle campagne della Valle del Cedrino ricche di vestigia archeologiche ancora tutte da decifrare.

Gianfranco Pintore

Gianfranco Pintore è nato a Irgoli nel 1939.
Nel 1962 comincia a fare il giornalista presso la cronaca di Firenze de L'Unità. Nel 1965 viene chiamato a Roma, alla redazione centrale dello stesso quotidiano, dove lavora prima nella cronaca e quindi nella sezione esteri. Nel 1967 viene nominato corrispondente da Varsavia. Diventa professionista nel 1968.
Nel 1970 si dimette dall'Unità, fa una breve esperienza di free lancer e nel 1971 entra nel settimanale Mondo Nuovo nel quale cura la sezione esteri. In quello stesso periodo collabora al settimanale Giorni di cui fa l'inviato e il critico televisivo.
Alla chiusura di Mondo Nuovo, nel 1972, è assunto dal settimanale Abc prima come inviato speciale e quindi come redattore capo.
Nel 1974 torna in Sardegna come corrispondente del settimanale L'Espresso. Lavora anche come inviato della Nuova Sardegna fino al 1976, quando inizia a collaborare con il settimanale Tempo Illustrato per il quale cura le corrispondenze dalla Sardegna. Fonda e dirige il settimanale bilingue Sa Sardigna e successivamente, nel 1979 è tra i fondatori di Radiu Supramonte a Nuoro che dirige fno alla sua chiusura.
Nel 1983 cura come redattore capo la riedizione di Il Solco fno alla sua chiusura nel 1985, quando comincia a dirigere Forzaparis, periodico del gruppo sardista nel Consiglio regionale della Sardegna, fino al 1992. Studia le storie e le politiche delle nazionalità europee e dei loro movimenti. L'anno successivo entra a Telesardegna come direttore del settore giornalistico e particolarmente del primo telegionarle in sardo "Telediariu". Vi rimane fno al 2000. In collaborazione con la Regione, cura le inchieste televisive "Il gatto e il leone" sulla storia e sullo status dell'autonomia sarda, "Viaggio in Corsica" sull'autonomismo corso e "Le altre Sardegne" sull'autonomia in Occitania, Catalogna e Euskadi.
In questo stesso periodo è editorialista di L'Unione Sarda.
Sarà Editorialista di Sardigna.com per tutta la sua durata. Per la Presidenza del Consiglio regionale cura uno studio comparato sugli statuti di Sud Tirolo, Valle d'Aosta, Corsica, Occitania, Catalogna e Euskadi di cui è pubblicata una larga sintesi in brossura e, successivamente, tato nel sito del Consiglio regionale fno alle elezioni 2004.
Dal febbraio 2002 al luglio 2004 è stato il consulente del Presidente del Consiglio regionale per gli affari istituzionali e le questioni delle nazioni senza stato dell'Europa.

Versione stampabile