Ozieri, Sabato 21 Settembre 2019

Tutti al cinema, nessuno escluso!

Tutti al cinema, nessuno escluso!

2ª Rassegna cinematografica in circuito; il cinema contro l'esclusione. Il circuito si propone di favorire nei cittadini la consapevolezza attiva nei confronti dell'esclusione sociale.
L'ingresso a tutte le quattro serate è libero.

Quattro serate di cinema impegnato, in programma al Teatro Civico dal 23 al 27 Marzo 2011, con ingresso gratuito, per la rassegna cinematografica curata dalle associazioni "Amerindia" e "Spazio058-Operatori di Pace" in collaborazione con i comuni di Ozieri, Martis, Cagliari, Sassari, Ossi, Osidda, Tempio Pausania e Tresnuraghes.
L'iniziativa si propone di favorire, anche attraverso il cinema, la maturazione nei cittadini di una maggiore consapevolezza dell'esclusione sociale, e vuole essere pure una risposta all'invito dell'Unione Europea, che ha proclamato il 2010 Anno della lotta alla povertà e all'esclusione sociale.
Il programma prevede la proiezione quattro film di qualità ma di non facile reperibilità che si propongono di favorire lo sviluppo, la promozione e la diffusione della cultura cinematografica, coinvolgendo il pubblico con una rassegna dai contenuti sociali forti, oltre che di grande attualità.
I quattro film scelti per questa rassegna cinematografica saranno per tutti noi occasione per riflettere su questioni quali lo sfruttamento nel lavoro, il disagio psichico, la condizione carceraria e l'immigrazione.

Programma

Mercoledì 23.Marzo
WELCOME
Regia Philippe Lioret (Francia 2009)

Il giovane curdo Bilal ha attraversato l'Europa da clandestino nella speranza di raggiungere la sua ragazza, da poco emigrata in Inghilterra. Arrivato nel nord della Francia, capisce che la sua unica possibilità è tentare di attraversare la Manica a nuoto. Alla piscina comunale, dove va per allenarsi, finisce per diventare amico di Simon, un istruttore in piena crisi con la moglie, che decide di aiutarlo in questa impresa all'apparenza irrealizzabile.


Giovedì 24 Marzo
CELLA 211
Regia Daniel Monzon (Spagna 2009)

Juan Olivier è un secondino alle prime armi che ha la sfortuna di iniziare il nuovo lavoro lo stesso giorno in cui scoppia una rivolta tra i carcerati. Coinvolto dal capriccio del destino in queste tragiche circostanze, Juan deve sfruttare al massimo la sua risorsa più preziosa: l'intelligenza. Decide di fingersi a sua volta un detenuto per cercare di indirizzare la rivola nella direzione più utile a riguadagnare la libertà. In questa situazione però, si rende conto anche di essere tutt'altro che l'uomo timido, fragile e di buone maniere che aveva sempre pensato di essere. Scopre che per sopravvivere sull'orlo di un abisso si è davvero disposti a tutto...


Sabato 26 Marzo
LA GRANDE SEDUZIONE
Regia Jean-François Pouliot (Canada 2003)

Saint-Marie-La-Mauderne è un piccolo villaggio di pescatori che da anni vivono con il sostegno del governo a causa delle poche opportunità di lavoro. L'impianto di una nuova fabbrica potrebbe finalmente riportare la speranza di nuovi impieghi, ma perché questo si realizzi hanno bisogno di un medico che si trasferisca nel villaggio. L'occasione si presenta quando un giovane dottore decide di passare le vacanze a Saint-Marie-La-Mauderne, così tutti gli abitanti si mobilitano per riuscire a 'sedurre' il medico e convincerlo che il loro paese è il miglior posto del mondo...


Domenica 27 Marzo
L'ARTISTA
Regia Mariano Cohn, Gaston Duprat (Argentina 2008)

Jorge lavora come infermiere in un istituto geriatrico. La sua vita monotona prende una svolta improvvisa quando comincia ad occuparsi di un anziano paziente, autistico ma dotato di grande talento pittorico. Grazie a quest'incontro Jorge si avvicina al mondo dell'arte finendo per essere riconosciuto, in modo improvviso e inaspettato, come un artista di culto. Viene rapidamente introdotto nella scena artistica contemporanea e costretto a trattare con curatori, critici, galleristi, collezionisti e ammiratori. Partecipa ad una serie di esposizioni, guadagna molti soldi, viene osannato dal mondo dell'arte. Ma, tanto evolve la sua carriera artistica quanto vengono alla luce i suoi problemi personali e le sue contraddizioni esistenziali. Il film esplora con ironia, leggerezza ma al tempo stesso profondità, il paradosso del mondo dell'arte contemporanea, i suoi personaggi e la difficoltà di definire il concetto stesso di arte.

Sito del Teatro Civico Oriana Fallaci

Versione stampabile