Ozieri, Lunedì 21 Ottobre 2019

La Diocesi di Ozieri si stringe attorno a S.E. Mons. Angelino Becciu

La Diocesi di Ozieri si stringe attorno a S.E. Mons. Angelino Becciu

Venerdì 30 settembre, alle 18 in Cattedrale la solenne celebrazione eucaristica insieme ai vescovi della Sardegna e con i parroci della diocesi. Il sindaco Leonardo Ladu invita la Città di Ozieri a manifestare vicinanza e sostegno ad un sacerdote della nostra terra chiamato a così grande responsabilità.

Fervono i preparativi per l'arrivo nella Diocesi di Mons. Angelino Becciu, Sostituto per gli Affari Generali della Segreteria di Stato Vaticana.

La comunità religiosa e civile di tutto il territorio si stringerà venerdì, alle 18 in Cattedrale, attorno a Mons. Angelinio Becciu in occasione della solenne celebrazione eucaristica insieme ai vescovi della Sardegna e con i parroci della diocesi.

Saranno presenti i sindaci, le associazioni religiose, i gremi, le associazioni culturali, sportive e di volontariato e molti fedeli del territorio.

Per l'occasione è stato anche convocato il Consiglio Comunale di Ozieri.
Il sindaco Leonardo Ladu ha inviato una lettera alle autorità civili e militari, associazioni di Ozieri perché siano presenti per manifestare vicinanza e sostegno ad un sacerdote della nostra terra chiamato a così grande responsabilità.


Nato a Pattada sessantatre anni fa, Don Angelino Becciu è cresciuto proprio nel seminario vescovile di Ozieri.

Laureato in diritto canonico, è stato ordinato sacerdote nel 1972. Per anni ha curato le attività rivolte ai giovani in Seminario e anche in Cattedrale, dove seguiva il coro della parrocchia.

Molti gli amici che ancora lo ricordano per il suo carattere sempre allegro e aperto. Dopo essere entrato nel Servizio Apostolico della Santa Sede nel 1984, ha assunto incarichi sempre più rilevanti presso le rappresentanze vaticane in Africa, Francia, Stati Uniti d'America.

Ovunque ha dimostrato capacità diplomatiche fuori dal comune ed è stato apprezzato per il lavoro svolto, favorito anche dalla perfetta conoscenza di diverse lingue.

Proprio per questo nel 2001 Papa Giovanni Paolo II lo ha nominato Nunzio Apostolico in Angola e successivamente Papa Benedetto XVI lo ha inviato nella difficile sede diplomatica di Cuba, in un momento particolarmente delicato.

Grazie agli importanti risultati ottenuti per la Chiesa, ora è stato richiamato in Vaticano dove lo attende un mandato di altissimo prestigio e rilevanza.

Versione stampabile