Ozieri, Domenica 22 Settembre 2019

Concerto di Nick Harper, domenica 12 febbraio 2012

Nick Harper in concerto

La nascente associazione S.M.A.C, in collaborazione con l'Istituzione San Michele e l'assessorato comunale alla Cultura, organizza domenica 12 Febbraio un concerto con il musicista britannico Nick Harper.

Il primo evento proposto dall'associazione culturale "Sardegna Musica Arte Cultura", in programma presso la Sala Conferenze dell'ex Convento alle Clarisse domenica 12 alle ore 18,00, è sicuramente di elevato spessore artistico.

Nick, figlio del leggendario cantautore britannico Roy Harper, è nato a Londra e cresciuto nel Wiltshire. Suona la chitarra da quando aveva dieci anni, circondato da musicisti del calibro di Jimmy Page, Robert Plant, Keith Moon e Dave Gilmour.

Il talento di Nick e la sua energia hanno saputo affascinare i fan di Roy, e così è stato inevitabile per lui cominciare ad andare in tour e registrare per suo conto.

Parlare di Nick come di un superlativo cantante e compositore potrebbe mettere in ombra le sue doti chitarristiche, e parlare di lui come grande chitarrista potrebbe dare minor luce alle sue canzoni appassionate e alla voce unica e piena di pathos. Per non parlare poi della grande carica dei suoi live shows, che sanno spaziare dalla personale introspezione alla pungente satira politica, con un fascino caustico di cui Groucho Marx sarebbe orgoglioso.

Spesso passa dalle sue composizioni alle amate cover in cui riveste alla sua maniera pezzi di Presley, Zappa, Jeff Buckley, Led Zeppelin, Monty Python e Public Enemy.

Per più di un decennio, ha incantato pubblico e recensori col suo inebriante mix di virtuosità, fascino giovanile, abilità nello stare sul palco e trasparente spacconeria. Doti riconosciutegli nel 2003 col premio Herald Fringe Angel per l'eccellenza nella musica dal vivo durante quell'edizione del festival di Edinburgo. Secondo il Times "Harper ha in se talmente tanta musicalità che questa si espande ovunque si trovi a esibirsi."

Nel 2010 esce The Last Guitar, in cui Nick mostra di essere un "rocker con un cuore". C'è il "poliziesco" sulla corsa per fermare l'assassinio della musica in "Pop Fiction" e non possono mancare i brani ispirati dai viaggi di Nick in Himalaya e oltre con la Love Hope Strength Foundation.

Continua la tradizione di famiglia, e dopo Roy è Nick è la volta della figlia di quest'ultimo, Lily, che debutta in "Silly Dadd".


Versione stampabile