Ozieri, Sabato 4 Aprile 2020

Festa di S. Antioco di Bisarcio

Festa di primavera di S.Antioco di Bisarcio

Sono aperte le iscrizioni al mini corso di fotografia dedicato ai bambini "Fotografa il Medioevo", in programma Sabato 9 Giugno 2012 a Sant'Antioco di Bisarcio

La festa di Primavera di Sant'Antioco di Bisarcio, organizzata dalla Società religiosa di S.Antioco e con la collaborazione dell'Istituzione San Michele e il patrocinio dell'Assessorato alla Cultura del Comune di Ozieri, offre quest'anno un ricco programma che, oltre alle cerimonie religiose, con la processione delle Bandiere delle Società religiose e la Santa Messa alla presenza di una delegazione proveniente all'Isola di Sant'Antioco, presenta rievocazioni storiche a cura del Gruppo Figuranti Medievali di San Guantino e del Gruppo Armigeri Milites Vagante del Comitato Quartiere Castello di Iglesias con la esibizione del Gruppo Musici e Sbandieratori di San Guantino. Verranno allestiti stand di artigianato e per la degustazione dei prodotti locali.

Iniziativa molto interessante è il mini stage di fotografia "Fotografa il Medioevo", dedicato ai bambini. Durante lo stage i partecipanti potranno cimentarsi nei panni dei fotografi professionisti, guidati da un esperto che svelerà loro i segreti di un bravo fotoreporter e che, insieme ad una guida, saranno accompagnati alla scoperta del Medioevo: potranno osservare l'allestimento del campo medievale, le scene di vita quotidiana e l'esibizione di musici e sbandieratori, e per finire scopriranno la storia della Basilica di Sant'Antioco di Bisarcio.

Per le adesioni, che scadono giovedì 7 giugno, è necessario rivolgersi all'Istituzione San Michele chiamando il numero 079781236 o 079787638.

Alle 16,30 partirà la processione con il corteo storico di costumi da nobili e da popolani medioevali, con accompagnamento musicale e sfilata delle bandiere delle Società Religiose di Ozieri. Subito dopo la processione, alle ore 17,00, seguirà la Santa Messa; Alle 18,30 avrà inizio lo spettacolo di danze medievali del Gruppo Ballerine Tempus est Jocundum.
Alle 20,00 la Società Religiosa "Sant'Antioco" offrirà a tutti i partecipanti una cena durante la quale si esibirà il giullare mangiafuoco.
La serata si concluderà con il concerto degli del gruppo musicale Almamediterranea.

Programma

  • Ore 9,30 - Apertura degli Stand
  • Ore 10,15 - Allestimento del Campo Mediavale: ricostruzione con tende, botteghe e scene di vita quotidiana, fabbricazione di armi.
  • Ore 10,30 - "Fotografa il Medioevo", un breve corso di fotografia per bambini (su premotazione)*
  • Ore 11,30 - Esebizione dei Musici e degli Sbandieratori
  • Ore 12,30 - Pranzo tipico
  • Ore 15,00 - Esibizione di tiri con l'arco storico e con la balestra; esibizione di scherma medievale e lotta on i bastoni
  • Ore 16,30 - Processione con corteo storico e sfilata delle bandiere e delle società religiose
  • Ore 17,00 - Santa Messa con la delegazione dall'Isola di Sant'Antioco
  • Ore 18,30 - Danze medievali ed esibizione dei musici e degli sbandieratori
  • Ore 20,00 - Cena offerta dalla Società Sant'Antioco ed esibizione del Giullare Mangiafuoco
  • Ore 22,00 - Concerto del gruppo musicale Almamediterranea

Fotografa il Medioevo

Alle ore 10.30 è previsto l'incontro di tutti i bambini con la giuda ed il fotografo che li guiderà nel breve corso di fotografia. Per le adesioni, che scadono il 7 giugno rivolgersi all'Istituzione San Michele al numero 079781236 o 079787638.

La festa

Sant'Antioco è il patrono di Ozieri e a lui la città dedica due feste:
- La festa patronale, esclusivamente religiosa, si celebra il 13 Novembre, giorno della morte del Santo.
- La festa primaverile si celebra a metà maggio o, talvolta, la prima settimana di giugno.

Questa seconda celebrazione, in passato, rientrava in quei rituali che, spesso in corrispondenza di ricorrenze religiose, assumevano significati propiziatori. Nella società contadina questi riti avevano la funzione di ringraziare la terra per i suoi prodotti e favorirne simbolicamente la fertilità. Tra le usanze ormai scomparse, gli anziani tuttora ricordano che, nei giorni della festa di Sant'Antioco, i contadini di Ozieri e dei paesi del circondario evitavano di utilizzare i buoi per il lavoro nei campi: si credeva infatti che aggiogare i buoi per lavorare significasse offendere il Santo e incorrere in una sua possibile vendetta. La festa di maggio era molto sentita e partecipata: numerosi erano i pellegrini che si trattenevano nei pressi della basilica per diversi giorni, trovando ricovero nei locali (“cumbessias”) che sorgevano sul tetto di una delle navate laterali della chiesa e negli ambienti del portico.

Nonostante oggi il significato propiziatorio e rituale si è in parte perso in quanto è mutata la realtà sociale di riferimento, la festa primaverile di Sant'Antioco di Bisarcio continua a rappresentare un momento in cui la comunità si ritrova e rinnova la propria identità culturale.

Attualmente è la Società Religiosa di Sant'Antioco di Bisarcio, nata nel 1971, che si è fatta carico di perpetuare una tradizione così sentita: sono i suoi soci ad occuparsi dei festeggiamenti in onore del Santo, arrivati ormai alla 41° Edizione, sia per quanto riguarda la sfera strettamente religiosa con la tradizionale sfilata delle bandiere delle Società Religiose ozieresi, la processione con il simulacro del Santo, la celebrazione della messa solenne sia per la parte più ludica con balli, concerti e degustazioni offerte a tutti i partecipanti.


Visita il sito web della Basilica di Sant'Antioco di Bisarcio

Condividi questa notizia



Versione stampabile