Ozieri, Venerdì 20 Settembre 2019

Approvato il progetto per la realizzazione di un impianto di biogas

Approvato il progetto per la realizzazione di un impianto di biogas

È stata approvata la realizzazione dell'impianto di biogas in regime di cogenerazione in zona Industriale di Chilivani. Per il sindaco Ladu si concretizza la fase di attuazione dei progetti previsti dal PAES, il Piano Azione Energie Sostenibili che sarà presentato nei prossimi giorni.

Era la prima delle idee progettuali individuate dai laboratori dello Smart City. L'avvio di un sistema di biomasse in agricoltura aveva infatti registrato il massimo dei consensi dei partecipanti.
Le due sessioni del laboratorio, finalizzate ad individuare le azioni da inserire nel Paes, hanno coinvolto cittadini, imprese, associazioni di categoria in un percorso innovativo di partecipazione che ha seguito i canoni di programmazione del territorio sperimentati in nord Europa.
Ora si entra nella fase attuativa ed un impianto di biogas in cogenerazione è stato già approvato e sta per sorgere nella zona industriale di Chilivani.

"Ritengo un fatto positivo la realizzazione di questo impianto che nasce nell'ambito delle iniziative che saranno inserite nel Paes per ridurre la dipendenza energetica e potrà creare opportunità di lavoro e una valorizzazione delle produzioni agricole del territorio spiega il Sindaco Leonardo Ladu, convinto delle ricadute positive anche oltre la produzione delle biomasse necessarie.

"Gli stessi tecnici dell'Agenzia Laore che hanno partecipato alla conferenza di servizi hanno evidenziato l'importanza di questo impianto in quanto consentirà agli allevatori di produttore foraggi essicati, che attualmente possono essere soli importati".

L'impianto, sarà realizzato dalla Soc. Errebi Tre Sagl, con sede in Via Prada Alto n. 858B - Poschiavo Li Curt (CH). Prevede la produzione di energia elettrica per 999 kwe in regime di cogenerazione e quindi rientra fra gli impianti sotto soglia e autorizzabile con PAS - Procedura Abilitativa Semplificata, secondo quanto previsto dal D.Lgs. n.28/2011, dalla Legge n.99/2009 e dalle linee guida approvate con Deliberazione di Giunta Regionale n.27/16 del 01/06/2011.

La relazione agronomica elaborata dagli agronomi Giuseppe Meridda e Gianni Serra di Ozieri evidenzia che il biodigestore verrà alimentato con biomasse ottenute nelle aziende agrarie limitrofe allo stabilimento.
Principalmente si prevede di utilizzare mais insilato, cereali insilati (soprattutto sorgo), ed eventualmente sottoprodotti dell'industria enolearia, quali vinacce e sanse, e modeste quantità di deiezioni animali.
Il calore prodotto con il gogeneratore sarà utilizzato principalemnte per l'essicazione dei foraggi, per andare incontro alle esginze degli allevatori che potranno contare su una maggire autoproduzione.



Condividi questa notizia



Versione stampabile