Ozieri, Mercoledì 16 Ottobre 2019

Stagione di prosa 2012-2013

Stagione di prosa 2013

Da martedì 15 gennaio 2013 al via la campagna abbonamenti per "M'illumino di Prosa". Cinque spettacoli in cartellone dal 20 gennaio al 17 aprile.

Lupi e pecore.
Si apre nel segno dell'ironia il sipario su M'Illumino di Prosa, la stagione 2012-2013 del CeDAC al Teatro Civico Oriana Fallaci di Ozieri, nell'ambito del XXXIII Circuito Teatrale Regionale Sardo.

Cinque spettacoli in cartellone dal 20 gennaio al 17 aprile 2013, dallo spietato e divertente affresco di "Lupi e pecore" di Ostrovskij a un viaggio tra le luci del varietà con "Fritto misto e baccalà" di Marta Proietti Orzella; poi l'intenso racconto di "Nel mare ci sono i coccodrilli" di BAM Teatro con Paolo Briguglia, mentre sarà Giuseppe Pambieri a interpretare il protagonista de "La coscienza di Zeno" e infine, per chiudere in bellezza, tra frammenti di teatro e poesia "L'attesa" di Paola Quattrini.

Classiche piè ces e note d'avanspettacolo, tra affascinanti suggestioni letterarie, per la stagione di Ozieri, organizzata dal CeDAC e realizzata con il patrocinio e il contributo del Comune di Ozieri, dell'Assessorato alla Cultura della Regione Sardegna e del MiBAC/ Ministero ai Beni Artistici e Culturali, e con il sostegno della Fondazione Banco di Sardegna (main sponsor) e il prezioso supporto della Sardinia Ferries, che offre ospitalità sulle sue navi alle compagnie teatrali.

Dal cuore della Grande Russia, il 20 gennaio apre la stagione la nerissima commedia firmata da Aleksandr Ostrovskij, "Lupi e pecore".
Aleksandr Ostrovskij, insieme a Gogol' uno dei padri del teatro russo, disegna uno spaccato sull'umana cattiveria con il ritratto di un mondo in cui "tutti vivono per mangiare o essere mangiati": la pièce nell'allestimento del Teatro Stabile della Sardegna s'ispira a un vero fatto di cronaca, il processo contro la badessa del monastero di Serpuchov, accusata di falso e estorsione per essersi approfittata dell'ingenuità di alcuni sprovveduti, con corollario di meschinità e perfidia.

Il 2 febbraio adrà in scena l'originale "Fritto misto e baccalà" de L'Effimero Meraviglioso, ideato, diretto e interpretato da Marta Proietti Orzella con i Noise Off Random: parole e note e molto humour per una raffinata prova d'attrice in cui si alternano "caratteri" stravaganti e situazioni comiche e surreali, tra citazioni di Giorgio Gaber e Gigi Proietti, Carlo Verdone, Anna Marchesini con la sua irresistibile sessuologa e Monica Vitti.
Atmosfere da Caffè Concerto, fino ai varietà televisivi, in uno spettacolo leggero e brillante, che coniuga eleganza e ironia.

Sarà poi la volta, il 12 marzo, di "Nel mare ci sono i coccodrilli – Storia vera di Enaiatollah Akbari" dal fortunato libro di Fabio Geda sull'avventurosa esistenza di un bambino afghano costretto a crescere troppo in fretta: una vita migrante, in fuga da vessazioni e schiavitù, in cui il ricordo delle carezze e delle raccomandazioni della madre diventa l'unica luce nelle difficoltà quotidiane della feroce lotta per la sopravvivenza.
Il passaggio dall'infanzia all'adolescenza corrisponde per Enaiatollah a un itinerario dall'Afghanistan all'Italia: dalla fame e la paura, la clandestinità e il lavoro minorile, alla normalità aperta su possibile futuro, nella trasposizione teatrale firmata BAM Teatro in collaborazione con Palermo Teatro Festival, con Paolo Briguglia, che cura anche la regia insieme a Edoardo Natoli.

Massimo Moriconi

Il 22 marzo va in scena "La coscienza di Zeno di Tullio Kezich dal romanzo di Italo Svevo.
Nell'allestimento del Teatro Carcano di Milano, con un protagonista del calibro di Giuseppe Pambieri per la regia di Maurizio Scaparro, l'autobiografia in forma di diario del commerciante Zeno Cosini diventa testo teatrale, nell'intreccio di amori e tradimenti, desideri e impulsi inconfessabili, e l'eterna contraddizione tra l'agire e il pensiero.
La coscienza dell'uomo moderno, in una galleria di ricordi e autogiustificazioni, tra le scoperte della psicanalisi e il monologo interiore, affiora tra le righe del celebre romanzo e nello spettacolo, insieme a una consapevolezza del vuoto e della perdita di senso e valori da cui derivano l'inquietudine e l’angoscia esistenziale.

A chiudere in bellezza la rassegna "M'Illumino di Prosa", la stagione del CeDAC al Teatro Civico Oriana Fallaci di Ozieri, sarà il 17 aprile, "L'attesa" con Paola Quattrini.
Un intenso spettacolo/concerto per voce recitante e contrabbasso. Preziosa antologia di frammenti di teatro, versi e racconti in cui l'attrice - sulla colonna sonora originale creata e eseguita dal contrabbassista Massimo Moriconi, per la regia di Lorenzo Salveti – incarna personaggi indimenticabili, da "La donna del mare" di Henrik Ibsen a Blanche in "Un tram che si chiama desiderio" di Tennessee Williams, tra l'eco de "Le notti bianche" di Dostoevskij e le parole di Handke per "Il cielo sopra Berlino", e citazioni da Walt Withman, Massimo Bontempelli e Marguerite Yourcenar.

 

Programma

  • 20 gennaio
    Lupi e pecore
    di Aleksandr Ostrovskij
    Teatro Stabile della Sardegna
    con Corrado Giannetti, Paolo Meloni, Marco Spiga, Maria Grazia Sughi, Luigi Tontoranelli, Valeria Cocco, Mariagrazia Pompei regia Guido De Monticelli
  •  

  • 2 febbraio
    Fritto misto e baccalà da Ettore Petrolini
    di Marta Proietti Orzella
    con Marta Proietti Orzella e i NoiseOFF
  •  

  • 12 marzo
    Nel mare ci sono i coccodrilli…
    di Fabio Geda
    Bam teatro
    con Paolo Briguglia, Roberto Salemi. Musiche eseguite dal vivo da Francesco Accardo
  •  

  • 22 marzo
    La coscienza di Zeno
    di Tullio Kezich dal romanzo di Italo Svevo
    Teatro Carcano di Milano
    con Giuseppe Pambieri, regia Maurizio Scaparro
  •  

  • 17 aprile
    L'attesa
    testi di Walt Withman "Il canto di me stesso", Fedor Dostoevskij "Le notti bianche", Peter Handke "Il cielo sopra Berlino", Henrik Ibsen "La donna del mare", Massimo Bontempelli "Guadia alla luna", Marina Pizzi e Paola Quattrini "Le botte" e "Il brodo", Marguerite Yourcenar "Il tuo nome", Stefano Satta Flores "Dai proviamo", Tennesse Williams "Un tram che si chiama desiderio", nell'adattamento di Lorenzo Salveti
    Teatro e società
    con Paola Quattrini. Musiche originali eseguite da vivo al contrabbasso da Massimo Moriconi regia Lorenzo Salveti

 

Abbonamenti 5 spettacoli:
posto unico: intero € 50 – ridotto € 40

Biglietti: Posto unico: intero € 14 – ridotto € 11

Per informazioni: promozione.istituzione@comune.ozieri.ss.it. - 079/787638

Ufficio Stampa del CeDAC/ Sardegna: cell. 328.6923069 – cedac.uffstampa@gmail.com



Condividi questa notizia



Versione stampabile