Ozieri, Sabato 21 Settembre 2019

Paola Quattrini e Massimo Moriconi

Teatro: L'attesa

Mercoledì 17 Aprile 2013, alle ore 21,00, va in scena al Teatro Civico Oriana Fallaci lo spettacolo per voce recitante e contrabbasso interpretato da Paola Quattrini con musiche originali eseguite dal vivo da Massimo Moriconi

Prosegue il programma della stagione di prosa "M'illumino di Prosa" del Circuito Teatrale Regionale Sardo, con lo spettacolo-concerto "Attesa", per la regia di Lorenzo Salveti: un'ora e dieci minuti di emozioni. Testi di Walt Withman "Il canto di me stesso"; Fedor Dostoevskij "Le notti bianche"; Peter Handke "Il cielo sopra Berlino"; Henrik Ibsen "La donna del mare"; Massimo Bontempelli "Guadia alla luna"; Marina Pizzi e Paola Quattrini "Le botte" e "Il brodo", Marguerite Yourcenar "Il tuo nome"; Stefano Satta Flores "Dai proviamo"; Tennesse Williams "Un tram che si chiama desiderio"; nell'adattamento di Lorenzo Salveti, "I ponti di Madison Caunty" di Robert James Waller.

"L'Attesa" nasce nelle Grotte di Borgio Verezzi nel 1989, poi viaggia in tournée nella stagione 1989-90 e di nuovo, dopo una lunga pausa ritorna sulla scena in un avvincente intreccio di note e parole, un'antologia di frammenti poetici e pezzi di teatro accompagnati e sottolineati dalle musiche originali eseguite da vivo al contrabbasso da Massimo Moriconi che torna ad Ozieri dopo vent'anni (nel 1993 si esibì con Danilo Rea e Umberto Fiorentino nella rassegna Jazz "Estiamo in Piazza").

Un recital intimo, sul filo dei pensieri e delle emozioni.

Un recital intimo, sul filo dei pensieri e delle emozioni, da "Il canto di me stesso" di Walt Withman a "Le notti bianche" di Fedor Dostoevskij, i dialoghi di Peter Handke per "Il cielo sopra Berlino" di Wim Wenders e "La donna del mare" di Henrik Ibsen.

Itinerari nel quasi Espressionismo della "Guardia alla Luna" di Massimo Bontempelli, tra le pagine originali di "Le botte" e "Il brodo" di Marina Pizzi e Paola Quattrini, e poi la passione e il desiderio ne "Il tuo nome" di Marguerite Yourcenar, con un ricordo di Stefano Satta Flores, in veste di drammaturgo attraverso le battute del suo "Dai, proviamo!", portato in scena proprio con Paola Quattrini, per la regμa di Ugo Gregoretti, tra disincanto, riflessioni esistenziali, specchio segreto del mondo dello spettacolo per un confronto con la realtà.

Blues malinconico e struggente per un ritratto al femminile e uno spaccato della società americana in "Un tram che si chiama desiderio" di Tennessee Williams, nell'adattamento di Lorenzo Salveti, e, ancora, la storia di un amore da "I ponti di Madison County" di Robert James Waller.

Prevendita da giovedì 11 aprile presso Centro Culturale S. Francesco

Aperture botteghino 17 aprile ore 19.00

Per info 079781236 / 079787638

Paola Quattrini

Paola Quattrini.

Attrice versatile, capace di interpretare con successo ruoli drammatici e brillanti, Paola Quattrini è fra i migliori talenti del nostro mondo dello spettacolo.

Dopo un esordio da enfant prodige – debutta nel cinema a quattro – prosegue la sua carriera tra il grande schermo e il palcoscenico, dando prova di grande talento e sensibilità.

Interpreta commedie ma anche film impegnati come "Panagulis vive" (1982) di Giuseppe Ferrara; diretta da Vittorio Gassman in "Di padre in figlio" (1982) ha recitato accanto al grande mattatore in uno dei suoi ultimi film, "La bomba" (1999) di Giulio Base.

Tra le pièces brillanti, "Il gufo e la gattina" al fianco di Walter Chiari e "Mi è cascata una ragazza nel piatto" con Domenico Modugno. Paola Quattrini ha diviso la scena con Gino Bramieri, è stata protagonista di "Se devi dire una bugia dilla grossa" con Johnny Dorelli e "Oggi è già domani", ultima regia di Pietro Garinei al Teatro Sistina di Roma.

Sul grande schermo, la parte di Lea in "Fratelli e Sorelle" (1993) di Pupi Avati (che la dirigerà anche in "Festival" nel 1996) le vale il Nastro d'Argento alla migliore attrice non protagonista.

In teatro è stata diretta tra gli altri da Luca Ronconi e Mario Missiroli, Arnoldo Foà, Carlo Giuffrè e Marco Parodi, Lorenzo Salveti, Josι Quaglio e Krzysztof Zanussi e ha recitato accanto ad attori come Mario Scaccia, Glauco Mauri, Aldo Giuffrè e Umberto Orsini. Per la televisione ha interpretato negli Anni Settanta alcuni sceneggiati di successo, fra cui "I demoni" (1972) e "Puccini" (1973); sempre sul piccolo schermo conduce con Johnny Dorelli il varietà "Finalmente venerdμ" (1989).

Commendatore della Repubblica Italiana (2003) per una vita dedicata al cinema, alla televisione e al teatro, Paola Quattrini nel 2009 ha pubblicato il romanzo autobiografico "A.M.O.R.E." (Simonelli Editore).

Massimo Moriconi

Massimo Moriconi

Nato a Roma nel 1955 , inizia a suonare il basso all'età di 13 anni. Dopo studi classici presso il conservatorio "L. Refice" di Frosinone inizia un'intensa attività in prestigiose formazioni italiane e internazionali. Dalle prime esperienze con i pionieri del jazz italiano come Marcello Rosa, Romano Mussolini, Armando Trovajoli, Nicola Arigliano, Lelio Luttazzi, la carriera di Massimo Moriconi va avanti con prestigiose collaborazioni in concerti e sala d'incisione con: Sestetto Saxes Machine – Trio E. Pieranunzi – F. D’ Andrea – Tullio de Piscopo – Isoritmo – Gianni Basso – R. Sellani duo – Trio di Eddy Palermo – Trio Dado Moroni – Massimo Urbani – Tankyo band – R. Fassi quartet – Flavio Boltro – Paolo Fresu – E. Rava – Maurizio Giammarco quartet – Trio D. Rea – G. Coscia – G. Tommaso Big band – Marcello Rosa – Romano Mussolini – Lelio Luttazzi – Armando Trovajoli sestetto – Aldo Romano – Nicola Arigliano quartet – Gianni Coscia.

Si sono avvalsi della sua collaborazione in concerti e dischi jazzisti stranieri come: L. Konitz -J. Griffin – P. Woods – R. Briant – T. Farlow – B. Brookmayer – M. Louis – J. Newman – K. Clarke – S. Nistico – B. Bailey – B. Freeman – C. Baker – P. Hutcho – A. Zoller – B. Clayton – B. Butterfield – J. Owens – H. Singer – K. Davern – P. Candoli – V. Ponomarev – G. Bertoncini – D. Goigowic – F. Ambrosetti – Don Moye – B. Smith – M. Melillo – B. Cobham – S. Grossman – U. Green – T. Tielemans – B. Auger – B. Kessell – A. Sheep – O. Parlan – S. Turrι – Ralph Towner – L. Tabakin – B. Moover – G. Smulyan – K. Wheler -etc.

Dall 1980 al 1989 è stato il bassista dell'orchestra dei ritmi leggeri della RAI di Roma. In questo periodo ha avuto modo di suonare per autentici miti come Jerry Lewis (Tour italiano '84), Mirelle Matieu, Liza Minnelli etc., sotto la direzione di Maestri quali B. Canfora – G. Ferrio – P. Calvi – R. Pregadio.

Ha inciso colonne sonore per film con compositori e direttori di fama mondiale come E. Morricone – A. Trovajoli – L. Bachalov – R. Ortolani – N. Piovani – P. Piccioni.

Ha realizzato 4 dischi come leader: "Bass in the sky" con E. Pieranunzi e B. Biriaco – "Full" con M. dei Lazzaretti, F. Ventura, C. Pizzale, M. Carrano, E. Gentile – "Trio & guests" con M. Giammarco, O. Valdambrini, S. Sabatini, C. Mastracci, F. Ventura, G. Ascolese – "D'improvviso" con ospiti quali Mina, Concato, P. Woods, E. Marienthall, D. Rea, E. Bandini. Ha collaborato in sala d'incisione con Rossana Casale, Fiordaliso, Scialpi, F. Bongusto, F. Califano, J. Holiday, F. Mannoia, Mietta, Audio 2, Steven Slaschk, C. De Sica e soprattutto con Mina (dall'83 ad oggi è il bassista di tutte le sue produzioni) e con Fabio Concato (dal 1993 ad oggi).

Condividi questa notizia



Versione stampabile