Ozieri, Martedì 19 Novembre 2019

Saranno finanziati tutti i progetti Poic delle imprese di Ozieri

Saranno finanziati tutti i progetti Poic delle imprese di Ozieri

La Regione accoglie la richiesta del Comune per finanziare tutti i progetti Poic presentati dalle imprese di Ozieri.
Un milione e 266 mila euro di finanziamenti a tasso zero saranno concessi a 35 imprese già in attività o di nuova costituzione. Una boccata d’ossigeno per l’economia locale e un riconoscimento per i comuni più "virtuosi".

"La Regione ha riconosciuto l'impegno dell'Amministrazione Comunale e lo sforzo fatto dagli imprenditori locali che hanno creduto in questa misura e contribuito ad evitare il fallimento del programma regionale e la restituzione delle risorse all'Unione Europea." Per gli assessori alle Attività Produttive Carmelo Lostia e alla Programmazione Agostino Pinna, l'impegno di tutti ha consentito di raggiungere un risultato veramente importante che rappresenta una boccata di ossigeno per il tessuto produttivo ozierese. "In un momento di difficoltà di accesso al credito e di carenza di liquidità, questo strumento consente alle imprese di poter affrontare con più certezza la situazione". In questo senso secondo Lostia va evidenziato anche l'atteggiamento positivo degli imprenditori locali che hanno dimostrato di voler credere nel futuro. "Nonostante la sfavorevole contingenza attuale, è stata colta l'opportunità di poter accedere ad una misura che può rivelarsi efficacie per migliorare le prospettive della gestione aziendale".

A metà maggio il Comune aveva chiesto alla Regione di aumentare il budget di 500 mila euro, ottenuto da Ozieri classificandosi ai primi posti del bando regionale, tramite l'assegnazione ai comuni più virtuosi delle risorse del bando POIC risultate residue a causa della carenza di domande presentate dalle imprese negli altri comuni.

Contrariamente a quanto accaduto altrove, a Ozieri si è registrato un boom di adesioni al bando POIC. "Il risultato è stato ottenuto grazie al lavoro di sensibilizzazione e coinvolgimento che abbiamo costruito in questi mesi e che ha consentito di aumentare in poco tempo di oltre un milione di euro il volume di domande di investimento presentate". Una sinergia fra assessorati alle Attività Produttive e Programmazione che ha potuto contare sulla competenza della struttura comunale e la disponibilità della Sfirs. L'assessore ricorda che la stessa Sfirs aveva lamentato la scarsissima adesione alla misura in ambito regionale, determinata dalla mancata mobilitazione di molti territori. "Il Comune di Ozieri ha fatto il suo dovere fin dall'inizio. Si è classificato ai primi posti nel bando regionale, senza dover andare a chiedere il recupero con ulteriori disponibilità, aggiunte successivamente dalla Regione".

Altrettanto virtuose a parere di Carmelo Lostia sono state le imprese locali che hanno dimostrato competenza e rispettato modalità e scadenza. "Per questo abbiamo chiesto alla Regione che il budget di 500 mila euro ottenuto dal Comune di Ozieri fosse incrementato con le risorse non utilizzate dagli altri centri – conclude Lostia - bisogna riconoscere lo sforzo fatto da un territorio per aderire al programma regionale".

Con una recente delibera la Giunta Regionale ha accolto la proposta, aprendo al possibilità di accesso ai finanziamenti a tutte le 35 imprese di Ozieri che hanno fatto domanda e con uno aumento di fatto dello stanziamento fino a 1 milione 266 mila euro.

Un lungo iter che si conclude con un ottimo risultato per le imprese di Ozieri

Il programma POIC-PISL viene varato dalla Regione per l'utilizzo delle risorse dell'Asse 3 del POR FSE 2007/2013. Il 3.7.2012 l'Assessorato Regionale al lavoro pubblica il bando per la presentazione da parte di Comuni di POIC- Progetti Operativi per l'Imprenditorialità Comunale delle domande per l'assegnazione delle risorse.

Il Comune di Ozieri presenta la sua candidatura con un programma di 500 mila euro consistente in un Formulario che individua i settori delle attività manifatturiere (Sez. C); Commercio al dettaglio esclusi autoveicoli e motocicli (Sez.G div. 47); attività di alloggio e di ristorazione (Sez. I).

Nel programma comunale viene anche contemplata l'approvazione di un Regolamento comunale per l'assegnazione degli incentivi alle imprese in termini di rimborso sulla fiscalità comunale (Tari, Cosap, ecc.) e dei bonus assunzionali compatibilmente con le risorse di bilancio. Inserito anche un protocollo di intesa con le associazioni di categoria del territorio.

La domanda del Comune di Ozieri si classifica al settimo posto nella graduatoria regionale e prima fra i comuni con più di 10 mila abitanti. Il risultato è stato ottenuto anche grazie al fatto di avere centrato il click day. L'inoltro della domanda è avvenuto dagli uffici comunali via PEC un minuto dopo la mezzanotte, arrivando fra i primi del giorno di apertura del bando ed evitando di rimanere fuori dalla dotazione come capitato a moltissimi centri dell'Isola.

Per cercare di accogliere le richieste di Comuni rimasti fuori graduatoria (Sassari, Alghero, Cagliari, ecc.), la Regione assegna ulteriori somme nella misura arrivando ad uno stanziamento di 50 milioni di euro.

Il 17 settembre 2013 la finanziaria regionale Sfirs, apre il bando per la presentazione dei progetti da parte delle imprese e chiede ai comuni di svolgere una attività di informazione e sensibilizzazione delle imprese.

Il Comune di Ozieri si attiva con l'invio di bollettini informativi, articoli sulla stampa e nel sito istituzionale. Inoltre vengono organizzati incontri per illustrare finalità del bando e modalità di partecipazione.

La Regione e la Sfirs lamentano la scarsissima adesione di imprese sarde e scrivono ai comuni per intensificare le attività di sensibilizzazione, temendo il fallimento del programma regionale e la restituzione delle risorse all'Unione Europea.

Il Comune di Ozieri svolge quindi una intensa attività di coinvolgimento delle imprese e organizza anche un incontro al quale partecipa il responsabile del programma POIC della Sfirs, Dott. Deledda.

In particolare viene chiarito che solo il 25% dei finanziamenti richiesti riguarda spese di nvestimento, ma il resto può essere utilizzato per sostenere le spese di funzionamento delle aziende (acquisto scorte, bollette energetiche, spese di funzionamento, ecc..).

In poco tempo ad Ozieri si passa da un monte domande per 225 mila euro alla somma conclusiva di 1 milione 266 mila euro, con 35 domande presentate.

Nonostante questo, in molti altri comuni sardi la situazione non migliora di molto a causa dello scarso interessamento delle Amministrazioni comunali. Alla fine risultano risorse residue per oltre 10 milioni di euro.

A questo punto, nel maggio 2014, il Comune di Ozieri chiede alla Regione che le somme residue vengano prioritariamente destinate garantire la dotazione per le domande delle imprese dei comuni che si sono dimostrati "virtuosi" e che sono risultati ai primi posti nella graduatoria del bando regionale.

Con la delibera di Giunta Regionale n. 28/3 del 17.07.2014 la Regione accoglie l'istanza di Ozieri e stabilisce che le risorse residue derivanti da domande di imprese inferiori alle dotazioni assegnate ai comuni, vengano utilizzate per finanziare le domande presentate dai comuni "virtuosi". Ozieri potrà contare quindi in un aumento della dotazione da 500 mila a 1 milione 266 mila euro, somma che potrà consentire di finanziare tutte le domande presentate.

Condividi questa notizia

Versione stampabile