Ozieri, Mercoledì 16 Ottobre 2019

Folla a sa Ena la notte del 29 novembre 2014 - Foto di Giuseppe Mazza

Riunione programmatica per S.Andria 2015

Un incontro in comune per analizzare il grande successo della notte bianca de Su Trinta 'e Sant'Andria e per iniziare a programmare l'edizione del 2015

Dalla tradizione nelle vigne al grande evento pubblico nel centro storico.
La manifestazione de Su Trinta e Sant'Andria è fondata sull'antica tradizione dei produttori di vini di invitare la gente nelle vigne e nelle cantine e ad assaggiare il vino nuovo. Si deve all'intuizione del poeta Barore Chessa storicizzare questo appuntamento con la poesia scritta nel 1965 e poi divenuta molto popolare grazie al canto del Coro di Ozieri musicato da Mario Coloru.

Folla in 'Sa Ena' - Foto Giuseppe Mazza

Successivamente Comune, Pro Loco, produttori di vini e proprietari di cantine nel centro, hanno pensato di trasformare l'antica tradizione intima delle vigne e delle cantine in un evento pubblico di valorizzazione delle vie e piazze del centro storico con la notte bianca, mirata ad esaltare i suoi unici caratteri architettonici e la sua vocazione di ospitalità e accoglienza sociale e commerciale. Dopo un lungo percorso e anni di impegno da parte di cantinieri, viticoltori, commercianti, associazioni culturali, si è arrivati al successo degli ultimi anni.


Un grande successo che valorizza le produzioni vitivinicole, agro alimentari e promuove la vocazione culturale e commerciale del centro.
Del grande risultato registrato nell'ultima edizione è stato ampiamente documentato dai tantissimi messaggi positivi pervenuti in merito all'accoglienza dimostrata nell'occasione da Ozieri, oltre che certificata dai numeri.
Risultato dimostrato in maniera efficacie ed evidente dalle immagini fotografiche che presentano le vie del centro storico stracolme di gente come mai accaduto prima.
I numeri evidenziano anche le ricadute in termini economici per il rilancio del settore vitivinicolo locale, per i produttori di prodotti agro alimentari, per commercianti, baristi, ristoratori e strutture ricettive.


L'assessore Carmelo Lostia sottolinea l'importanza sociale ed economica e l'autofinanziamento dell'evento.
In generale si è trattato di un evento sociale e culturale con importanti ripercussioni economiche per l'intera comunità.

«In questo senso, è utile ricordare che la manifestazione risulta completamente autofinanziata grazie all'impegno dei gruppi animatori delle cantine, della Pro Loco e delle associazioni. Ricorda l'Assessore alle attività produttive Carmelo Lostia - Le spese direttamente affrontate dal Comune sono state coperte dagli sponsor coinvolti e dal contributo ottenuto dal Comune nell'ambito del progetto di Marketing Urbano sulla rivitalizzazione del centro storico sottoscritto con la Camera di Commercio di Sassari". Per l'assessore Lostia i numeri di questo risultato positivo "impegnano l'Amministrazione comunale ad individuare forme di riconoscimento del sistema organizzato delle cantine nelle modalità previste dai regolamenti comunali».


Entusiastici i commenti dei viticoltori e cantinieri. Per Franco Canalis porprietario di una delle cantine «È necessario iniziare a consolidare il sistema delle cantine e dei viticoltori locali, mirando a garantire la qualità dell'offerta in coerenza con lo spirito originario dell'iniziativa».

Per Salvatore Tanda in questi anni si è lavorato nelle vigne per valorizzare la viticoltura delle colline ozieresi . «Lo spirito ed il successo dell'evento di Sant'Andria si fonda proprio sulla valorizzazione dei vini locali e deve essere conservato, anche se l'accoglienza messa in campo dalle cantine nel bellissimo centro storico di Ozieri è unica ed è presa ad esempio».

Andrea Bruccoleri della cantina Baroncelli dice che «la manifestazione , negli ultimi anni ha avuto una crescente partecipazione sia di visitatori sia di "cantinieri" che, animati dal comune spirito di partecipazione, hanno permesso di raggiungere i fantastici risultati della passata edizione. L'organizzazione, per quanto ben rodata, è ancora perfettibile ed in questo senso lavoreremo per confermare e possibilmente migliorare gli obiettivi fin qui raggiunti».

Condividi questa notizia

Versione stampabile