Ozieri, Sabato 21 Settembre 2019

Poem for Refuges

Poem for Refuges

L'evento, organizzato dal POP col patrocinio dell'Assessorato alla Cultura, rappresenta una speciale anteprima del festival OTTOBREinPOESIA che quest'anno compie 10 anni.


Venerdì 27 e sabato 28 Maggio, in contemporanea mondiale con tante altre città del pianeta, anche la Sardegna aderirà al progetto del WPM: World Poetry Movement denominato POEM FOR REFUGEES.

L'evento organizzato dal POP, Progetto OTTOBREinPOESIA, patrocinato e sostenuto dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Ozieri, con il coordinamento organizzativo dello scrittore Leonardo Onida, rappresenta una speciale anteprima del festival OTTOBREinPOESIA che quest'anno compie 10 anni.

Interverranno Carlo Dessì del Sardinia Film Festival, l'editore e poeta Beppe Costa.
Sabato 28 la manifestazione prosegue ad Ozieri con una marcia poetica per il centro storico del paese.

Protagonisti saranno gli studenti dell'Istituto d'istruzione superiore Antonio Segni di Ozieri e ospiti speciali: Beppe Costa, Stefania Battistella, il poeta hazara Basir Ahang, Alessandro Galli e tanti poeti e artisti da tutto il mondo che leggeranno nella loro lingua.

La giornata inizierà con un momento dedicato alle scuole, nel teatro civico di Ozieri, con gli studenti che incontreranno il poeta-editore Beppe Costa e Stefania Battistella per un evento dal titolo "Dell'Amore e altre Abitudini".

Nel pomeriggio dalle 17,30 il centro storico di Ozieri sarà teatro della marcia poetica per i rifugiati: 6 tappe, 6 momenti di letture e performance suggestive con l'ArmataDiVersi e i tanti artisti ospiti dell'evento ed in particolare il poeta Hazara Basir Ahang che oltre a leggere le sue poesie in lingua originale, racconterà la storia del suo popolo perseguitato e il suo impegno a difesa delle minoranze etniche vittime di soprusi da parte di dittatori e governi violenti.

Basir Ahang è un poeta, giornalista e attivista per i diritti umani. Molte delle sue poesie sono state tradotte in italiano, inglese e spagnolo.
In questi ultimi anni ha partecipato a diversi festival in Italia e all'estero. Nel 2015 ha pubblicato il suo primo libro di poesie in Italia dal titolo "Sogni di tregua" edito dalla Gilgamesh Edizioni.

Il suggestivo percorso poetico partirà dal chiostro di San Francesco e toccherà poi piazza Carlo Alberto, Fontana Grixoni, le Carceri Borgia, Piazza Duomo e si concluderà al Museo Archeologico alle Clarisse.

In caso di maltempo ci sarà un'unica tappa alle 19:30 al Museo Archeologico alle Clarisse con letture poetiche e la proiezione del cortometraggio di Basir Ahang e Mohammad Wahidi "L'Ospite".

Al progetto hanno aderito tanti artisti, associazioni e istituzioni come la Caritas Diocesana, l'Istituzione San Michele, la cooperativa Spes di Ozieri, il MoRePoSt, Le Messaggerie Sarde, il Cineclub, il Sardinia Film Festival e Amnesty International di Sassari.

L'associazione POP che organizza l'evento è la responsabile del primo festival letterario di Sassari, uno dei più importanti della Sardegna, e con Ozieri ha un importante legame per il coinvolgimento degli studenti del IIS Antonio Segni nella giuria scuole del Premio Letterario Internazionale Città di Sassari.

Cenni sull'Evento mondiale

Centinaia di rifugiati siriani e afghani sono concentrate in Eleutherias Square (Piazza della Libertà). Un rifugiato ha il diritto di asilo in condizioni di sicurezza. Ma ci sono, in Piazza della Libertà, piccole tende che si alzano ogni due metri, i profughi dormono sul cemento, combattono per il pane, mentre i loro bambini giocano con una vecchia palla.

In Svezia, i seguaci di destra hanno bruciato un asilo. Tedeschi e danesi prendono le loro merci. Diversi i confini che hanno l'ordine di sparare loro. La polizia europea afferma che ci sono 10.000 bambini rifugiati, perduti. In Turchia ci sono due milioni e mezzo di rifugiati. Un milione di rifugiati sono entrati in Germania dal Medio Oriente, Kosovo e Albania; 180.000 sono entrati Svezia e circa 100.000 persone sono fuggite in Austria. Essi sono in fuga dalla guerra, bombardieri della NATO, disperazione, angoscia, morte. Gli esseri umani fuggono da altri esseri, disumani.

Il Circolo dei Poeti della Grecia e un membro del comitato di coordinamento del WPM hanno proposto una nuova azione poetica globale per i prossimi mesi, sotto il nome di POEM FOR REFUGEES. Finora, le organizzazioni di poeti di Atene e in 20 città e isole della Grecia si sono uniti. L'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati sostiene questa proposta.
La WPM intende sviluppare eventi di poesia globale su larga scala a sostegno dei rifugiati, vittime di guerre e miseria in Africa, Medio Oriente, Colombia, Haiti e Sud-Est asiatico.

Condividi questa notizia

Versione stampabile