Ozieri, Giovedì 17 Ottobre 2019

Incontro dibattito AttraVERSI

Incontro/dibattito "AttraVERSI"

Confronti tra Poesia, Letteratura e Identità. Venerdì 26 e Sabato 27 Aprile 2013 nella Sala Conferenze dell'ex Convento delle Clarisse

Il 27 aprile presso la sala conferenze del Civico Museo Archeologico dell'ex Convento delle Clarisse, l'Assessorato alla Cultura del Comune di Ozieri e l'Istituzione San Michele organizzano l'incontro/dibatto "AttraVersi".
L'iniziativa vuole essere un momento di confronto tra importanti studiosi, poeti e scrittori sul tema della poesia, della letteratura e dell'identità.

Il progetto prende il via dalla consolidata tradizione poetica che caratterizza la Città di Ozieri, ormai divenuta un centro di riferimento per lo studio e la valorizzazione della lingua e cultura sarda, come dimostra la lunga attività svolta dal Premio Ozieri, fondato nel 1956.

Forte di questa importante tradizione, la manifestazione "AttraVersi" mira a valorizzare e diffondere la poesia sarda contemporanea e nel contempo ad analizzare le prospettive che tale produzione letteraria ha nel futuro, in particolare in rapporto alla letteratura poetica nazionale e di altre minoranze linguistiche.

L'evento prevede tra l'altro il coinvolgimento di diverse fasce d'età, in particolare i più giovani per sensibilizzarli verso il processo di valorizzazione e conoscenza della cultura sarda e per contribuire alla conoscenza, al rispetto e alla valorizzazione del patrimonio identitario.

Per questo motivo la mattinata del 27 Alberto Masala incontrerà con i ragazzi delle classi 5° dei Licei cittadini, per parlare di poesia e l'arte.

Poeta e scrittore internazionale, Alberto Masala agisce nei principali luoghi della poesia e dell'arte, sperimenta in concerto con musicisti di varie provenienze, nella scrittura usa diverse lingue, al quale va un ringraziamento particolare per la sua preziosa collaborazione nell'organizzazione dell'evento.

Alle ore 16.30 prenderà il via l'incontro, durante il quale interverranno Franca Masu, figlia d'arte e insegnante di lettere riconvertita a cantante appassionata, che porterà la testimonianza del "L'uso della lingua catalana come veicolo di espressione artistica", essendo l'esponente più internazionale della lingua e della antica cultura catalana che ancora vive ad Alghero; Alessandro Giammei e Marzia D'Amico, apporteranno il loro contributo di studiosi sulla "Poesia sarda come poesia post-coloniale in lingua italiana" e Antonio Canalis presenterà "Il Premio Ozieri" del quale è segretario.

Alberto Masala dialogherà con Marcello Fois su "Lo stato della letteratura in Sardegna -in relazione con la situazione italiana", Tommaso Pomilio, in arte Ottonieri, scrittore, saggista, poeta e critico letterario, sul "La poesia oggi in Italia", e con Paolo Zedda, poeta improvvisatore, su "La poesia improvvisata in rapporto col il contemporaneo.

Prima del concerto finale dei Dr. Drer e CRC Posse previsto per le ore 19.30, Alessandro Pintus, componente dell'Associazione Culturale Abreschida, presenta le finalità dell'associazione che vuole includere tutti gli artisti sardi che portano avanti produzioni culturali proprie e che nelle proprie composizioni, sviluppino temi sociali e culturali e utilizzino, almeno in una parte di esse, la lingua sarda. La band, la più longeva posse sarda, fa dell'uso della lingua sarda una bandiera da portare con orgoglio.

In questo contesto Marcello Fois, il 26 aprile, sempre presso l'ex Convento delle Clarisse, avrà il piacere di incontrare i suoi lettori alle 18.30.


Per ulteriori informazioni contattare l'Istituzione San Michele ai numeri 079781236 / 079787638 o inviare una mail a: promozione.istituzione@comune.ozieri.ss.it

Biografie

Franca Masu
Figlia d'arte e insegnante di lettere riconvertita a cantante appassionata, Franca Masu è l'esponente più internazionale della lingua e della antica cultura catalana ancora vive ad Alghero.

Professionalmente sulla scena dal 2000, ha pubblicato 6 album nei quali denota una grande versatilità cimentandosi in brani musicali differenti nello stile, genere e anche nelle lingue. La Masu si esprime infatti prevalentemente nel catalano di Alghero, ma anche in sardo, castigliano, portoghese e italiano.

Il suo percorso artistico-musicale è particolarmente ricco e variegato, connotato al suo esordio da una forte passione per il jazz ma con una naturale predisposizione verso le musiche popolari del mondo. Franca Masu è una “voce in viaggio”, aperta alla contaminazione. Nel suo ricco repertorio le composizioni - spesso rivolte all'esplorazione di nuovi territori sonori - tuttavia rivelano il forte legame per il senso della tradizione.

Dal jazz al canto tradizionale mediterraneo, la cantante sarda si è costruita disco dopo disco una sua originalissima identità artistica che l'ha fatta apprezzare dalla critica internazionale e l'ha portata ad esibirsi in Festivals e Rassegne in tutto il mondo.

Alessandro Giammei
Laurea in Italianistica presso la Sapienza di Roma, dottorato alla Normale di Pisa e visiting scholar alla New York University, poeta e scrittore, attualmente consulente letterario presso l'Agenzia Letteraria Kalama.

Marzia D'Amico
Laurea in lettere presso l'Università La Sapienza di Roma, attualmente collabora con l'emittente radiofonica Radio Città Futura, per la quale conduce delle trasmissioni di carattere culturale, in particolare sulla letteratura.

Marcello Fois
Nato a Nuoro nel 1960, vive a Bologna da tanti anni. Scrittore, commediografo e sceneggiatore si laurea in italianistica presso l'Università di Bologna. Nel 1989 scrive il suo primo romanzo, Ferro Recente che, grazie a Luigi Bernardi della Granata Press, viene pubblicato nel 1992 in una collana di giovani autori italiani, nella quale figurano anche i primi libri di Carlo Lucarelli e Giuseppe Ferrandino.

Sempre nel 1992 pubblica Picta, con cui vince (ex aequo con Mara De Paulis) il Premio Italo Calvino; nel 1997, per Nulla (con cui inizia la collaborazione con la casa editrice Il Maestrale), riceve il Premio Dessì.

Nel 1998, ancora per Il Maestrale, esce Sempre caro, primo romanzo di una trilogia (proseguita con Sangue dal cielo e L'altro mondo), ambientata nella Nuoro di fine Ottocento e che ha come protagonista un avvocato, Bustianu, personaggio per il quale Fois si è ispirato a un avvocato e poeta nuorese realmente esistito: Sebastiano Satta. Con Sempre caro nel 1998 vince il Premio Scerbanenco. Con Dura madrevince nel 2002 il Premio Fedeli e nel 2007 riceve il Premio Lama e trama alla carriera.
Oltre che alla narrativa, Fois si dedica anche alla sceneggiatura, sia televisiva (Distretto di polizia, L'ultima frontiera) che cinematografica (Ilaria Alpi. Il più crudele dei giorni), e al teatro per cui ha scritto "L'ascesa degli angeli ribelli", Di profilo, Cerimonia con Marinella Manicardi, Filippo Morelli, Mirella Mastronardi (segnalata al Premio UBU come giovane attrice non protagonista), Stazione (un atto unico per la commemorazione delle vittime della strage alla stazione di Bologna), Terra di nessuno e Cinque favole sui bambini (trasmesso a puntate da Radio 3 Rai). Dal suo racconto Disegno di sangue, pubblicato nel2005 nell'antologia Crimini, è stato tratto un episodio dell'omonima fiction televisiva, trasmesso nel 2007 da Rai 2.
Ha scritto anche un libretto operistico tratto dal romanzo di Valerio Evangelisti Tanit.
Nel 2007, con il romanzo Memoria del vuoto, edito da Einaudi nel 2006, ha vinto il Premio Super Grinzane Cavour per la narrativa italiana, il premio Volponi e il premio Alassio 100 libri. Con Giulio Angioni,Giorgio Todde e Michela Murgia, è fondatore del Festival letterario di Gavoi, L'isola delle storie.

Tommaso Pomilio
In arte Ottonieri, scrittore, saggista, poeta e critico letterario, ricercatore di letteratura italiana contemporanea. è autore di diversi saggi su testi, tendenze, estetiche della letteratura italiana otto-novecentesca, con attenzione particolare agli sperimentalismi (dalle protoavanguardie al postmoderno). Si è occupato, in vari saggi, dello sternismo nelle riviste del primo '800, di Dossi, Boito, Fogazzaro, e ancora, di Fenoglio, della poesia degli anni '60, della narrativa nell'ultimo ventennio del secolo XX.

Paolo Zedda
Nato a Sinnai nel 1964, è professore a contratto di Etnologia Musicale della Sardegna presso l'Università degli Studi di Cagliari ed esercita l'attività pubblica come cantadori e poeta improvvisatore. è autore di varie pubblicazioni sulla poesia estemporanea in lingua sarda.

Antonio Canalis
Segretario Premio Ozieri. L'Associazione Culturale Abrèschida. Vuole comprendere tutti gli artisti sardi che portano avanti produzioni culturali proprie e che nelle proprie composizioni, rifacendosi ai principi di cui sopra, sviluppino temi sociali e culturali e utilizzino, almeno in una parte di esse, la lingua sarda.

Dr Drer e CRC Posse
La più longeva posse sarda nasce 18 anni fa. Oggi i componenti sono sei: dr.drer, Mau, Giuanni voci; Alex P consolle; Giorgia Loi corista; Frichi basso elettrico. Quattro autoproduzioni all'attivo (Love and Peace de Casteddu nel 1993, nel 1999 AJO'!, nel 2005 il CD Sega Sa Cadena, nel 2010 In Sa Terra Mia), tanti pezzi singoli, centinaia di concerti, tantissime feste militanti, e sound systems durante le manifestazioni in piazza contro la guerra e le basi militari. Praticano il bilinguismo sin dagli esordi: “Crediamo fortemente che sia dovere degli artisti sardi, che si ritengano tali, utilizzare la lingua sarda per comunicare”. Nel settembre 2009 vincitori del Suns, Udin – Festival della Canzone in Lingua Minoritaria. Nell'ottobre 2009 vincitori del LIET – Festival Europeo di Musica nelle Lingue Minoritarie.

Condividi questa notizia



Versione stampabile