Immagine Slider Immagine Slider Immagine Slider Immagine Slider Immagine Slider Immagine Slider Immagine Slider Immagine Slider Immagine Slider Immagine Slider Immagine Slider Immagine Slider

CONTRASSEGNO DISABILI

Chi ne ha diritto, come richiederlo, come usarlo

Tra le varie agevolazioni previste per facilitare la mobilità delle persone disabili c'è il contrassegno per auto che, è un tagliando con il simbolo grafico della disabilità che permette alle persone con problemi di deambulazione e ai non vedenti di usufruire di facilitazioni nella circolazione e nella sosta dei veicoli al loro servizio, anche in zone vietate alla generalità dei veicoli.

Si tratta di una speciale autorizzazione che, previo accertamento medico, effettuato dal Servizio Medico Legale della A.S.L. di appartenenza,viene rilasciata dal proprio Comune di residenza, ai sensi dell' art.188 del Codice della Strada, CdS, e art. 381 del Regolamento di esecuzione del CdS.

Il contrassegno ha la durata di cinque anni, anche se la disabilità è permanente. Quando i cinque anni sono scaduti, può essere rinnovato, previa certificazione del medico curante che attesta il persistere delle condizioni di deambulazione ridotta.

Può essere rilasciato anche a tempo determinato nel caso di invalidità temporanea del richiedente.

vecchio contrassegnoFino al 15 settembre 2012 il contrassegno per auto rilasciato dal Comune era un tagliando di colore arancione, con il simbolo nero della sedia a rotelle.

Dal 15 settembre 2012 è entrato in vigore in Italia il nuovo contrassegno di parcheggio per disabili "europeo", con un formato rettangolare, di colore azzurro chiaro, con il simbolo internazionale dell'accessibilità bianco della sedia a rotelle su fondo blu.

Il nuovo contrassegno rilasciato a partire dal 15 settembre 2012 è stato introdotto con il Decreto del Presidente della Repubblica n.151 del 30 luglio 2012, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 203 del 31 agosto 2012, ed è conforme al "contrassegno unificato disabili europeo" (CUDE) previsto dalla Raccomandazione del Consiglio dell'Unione europea 98/376/CE. Questo nuovo permesso europeo rientra tra le agevolazioni previste per facilitare la mobilità stradale delle persone con disabilità in tutti i Paesi dell'Unione Europea.

nuovo contrassegno

Il contrassegno europeo è quindi valido, non solo sul territorio nazionale, ma anche negli altri ventisette paesi aderenti all'UE, senza rischiare di subire multe o altri disagi per il mancato riconoscimento del documento rilasciato dall'autorità italiana.

I requisiti previsti per il rilascio del nuovo contrassegno restano principalmente gli stessi; allo stesso modo, anche le condizioni del suo utilizzo.
Il contrassegno europeo infatti, cos come quello italiano prima rilasciato, è strettamente personale e non cedibile, non è vincolato ad uno specifico veicolo e consente varie agevolazioni, sia per quanto riguarda la sosta sia per la circolazione.

Dalla data del 15 settembre 2012 i Comuni hanno avuto tre anni di tempo per sostituire il vecchio contrassegno con il nuovo modello europeo. In questo periodo quindi i Comuni hanno provveduto a rilasciare il contrassegno europeo per le nuove richieste ed a sostituire via via i vecchi tagliandi arancioni in occasione del rinnovo degli stessi.

Entro lo stesso termine di tre anni, anche la segnaletica stradale orizzontale e verticale relativa alla mobilità delle persone con disabilità dovrebbe essere stata adeguata alla rappresentazione grafica e cromatica del nuovo contrassegno, in base alle indicazioni contenute nello stesso Decreto.

Dal 15 settembre 2015 i vecchi contrassegni invalidi civili di colore arancione non sono più validi.

Coloro che quindi, sono ancora in possesso del vecchio contrassegno, sono tenuti a rivolgersi al Comando di P.L. per ottenere quello nuovo.

Agevolazioni

Attraverso il contrassegno il soggetto richiedente avrà diritto alle seguenti agevolazioni:

  • parcheggio negli spazi appositamente riservati, zone a disco orario, parcheggi a pagamento, zone di divieto di sosta generico qualora i parcheggi riservati agli invalidi siano accupati
  • circolazione: permesso di circolare su tutto il territorio italiano e di entrare nelle aree ZTL e APU


ECCEZIONI

Il contassegno non autorizza il titolare a sostare nelle zone dove è vietata la fermata dei veicoli e nei casi indicati nell'articolo n.158 del codice della strada (sosta in doppia fila, marciapiedi, prossimità di intersezione, attraversamenti pedonali ecc.).


Posto Auto per Disabili

Sul territorio comunale sono state istituite aree di sosta per veicoli a servizio di persone con difficoltà di deambulazione.
Per utilizzare queste aree, il veicolo in sosta deve essere munito di apposito contrassegno, da esporre in evidenza sul parabrezza.

È possibile chiedere l'istituzione di aree di sosta per disabili, sia generiche che riservate (con il numero di concessione del contrassegno indicato sul cartello) nei pressi dell'abitazione o del posto di lavoro quando non è disponibile un posto auto proprio o non ci sono spazi per compiere agevolmente discesa dall'auto.


Come richiede l'area di sosta generica

La richiesta di un posto di sosta generico per disabili può essere fatta da un parente, anche non convivente, che abbia i seguenti requisiti:

  • sia in possesso del contrassegno di trasporto per disabili
  • non abbia garage, se la richiesta è un'area di sosta nei pressi dell'abitazione.

Come richiede l'area di sosta riservata

Nei casi in cui occorrono particolari e gravi condizioni di invalidità della persona interessata, il Comune può, con propria ordinanza, assegnare a titolo gratuito un adeguato spazio di sosta individuato da apposita segnaletica indicante gli estremi del "contassegno disabili" del soggetto autorizzato ad usufruirne.
Questi deve, di norma, essere abilitato alla guida e deve disporre di un autoveicolo.

Per ottenere l'istituzione di uno spazio di sosta personalizzato è necessario:

  • essere titolare del contrassegno disabili rilasciato dal comune di residenza;
  • non di sporre di un posto auto nelle vicinanze della propria abitazione(chi non è residente può richiedere il posto auto personalizzato solo per motivi di lavoro);
  • avere la patente di categoria speciale;
  • avere un' auto con i comandi adatti;
  • invalidità ai sensi della legge 104/92;

È prevista una deroga, in particolare per i minorenni con disabilità: per chi è nelle condizioni previste dalla legge 104/92 ma non ha la patente speciale, è stabilito che il posto riservato sia richiesto dai genitori o dai tutori.


Costi

Su suolo pubblico l'installazione è completamente a carico del Comune.


Parcheggi riservati all'interno di "aree di parcheggio private"

È possibile fare riferimento alla normativa vigente per le aree di parcheggio anche se private, esempio condomini, ovvero laddove ci sono aree adibite a sosta anche se private, è possibile da parte della persona detentrice di contrassegno, richiedere l'assegnazione di un posto riservato generico o personalizzato, presentando nel caso di un condominio, all'amministratore in carica, la documentazione prevista come nel caso di richiesta di assegnazione di un parcheggio in un'area pubblica.


Dove rivolgersi

Comando di Polizia Locale

Rag. Giovanni Curzu
Via Vittorio Veneto n.11 - Piano primo

Orario: dalle ore 9 alle ore 12 dal lunedì al venerdì.
Telefono: 079/781215
Fax: 079/786472
e-mail: vicecomandante.vvuu@comune.ozieri.ss.it

Documenti