Vai a sottomenu e altri contenuti

Nasce lo sportello unico per le attività produttive

Data: 28/08/2008
Nasce lo sportello unico per le attività produttive

Sarà strutturato in forma associata nei comuni del Logudoro: Ozieri, Tula, Ardara, Mores, Ittireddu, Nughedu San Nicolò e Pattada.

Aderendo ad una specifica proposta formulata dall'assessorato regionale all'Industria, le amministrazioni dei Comuni di Ozieri, Tula, Ardara, Mores, Ittireddu, Nughedu San Nicolò e Pattada hanno deciso di integrare i propri sportelli delegando l'Unione dei Comuni come ente capofila del progetto.
Entro il mese di Agosto i Comuni devono deliberare per presentare istanza per l'ottenimento della premialità prevista dalla Regione (da 50 a 100 mila ?). Risorse che potranno essere utilizzate per la dotazione degli uffici, anche con adeguati sistemi informatizzati, e l'aggiornamento del personale.
Alla selezione, che sarà effettuata nel prossimo Gennaio 2009, possono partecipare solo le aggregazioni dei comuni la cui popolazione complessiva sia di almeno 20 mila abitanti o che comprenda almeno dieci enti.
Elemento essenziale del bando è comunque l'aver approvato le convenzioni entro il 31 Agosto 2008. Per questo motivo i consigli comunali si stanno riunendo in questi giorni (il Consiglio Comunale di Ozieri si è riunito oggi con all'ordine del giorno l'unico punto riguardante l'istituzione dello sportello unico in forma associata, mentre quello di Ittireddu ha già deliberato.
L'adesione alla proposta formulata dall'Assessorato regionale all'Industria è stata fortemente voluta dal sindaco di Ozieri Leonardo Ladu e dal presidente dell'Unione dei Comuni del Logudoro Gavino Appeddu.
Il bando è la conseguenza della riforma approvata dalla giunta regionale in sede di finanziaria. Con una serie di articoli ed una successiva circolare esplicativa la Regione Sardegna ha di fatto semplificato l'iter procedurale di autorizzazione delle attività produttive che possono persino avviare l'impresa entro venti giorni dalla data di presentazione delle relative autocertificazioni. Nuove norme che superano quanto fino ad oggi costruito con il coordinamento delle province e che spingono verso le aggregazioni per poter garantire la funzionalità degli sportelli unici dei Comuni.

torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto