Vai a sottomenu e altri contenuti

ADMO, AIDO, Azione Cattolica e Comune di Ozieri insieme per una giornata all'insegna della solidarietà

Data: 09/09/2008
ADMO, AIDO, Azione Cattolica e Comune di Ozieri insieme per una giornata all'insegna della solidarietà

Domenica 14 Settembre la giornata di approfondimento sul tema dei trapianti di midollo osseo

L'Associazione Donatori Midollo Osseo, l'Associazione Italiana Donatori di Organi, l'Azione Cattolica e Comune di Ozieri insieme per una giornata di studio e svago per approfondire insieme ai tanti giovani il tema dei trapianti di midollo osseo.
L'idea è partita da una giovane ragazza di Ozieri, Sara Me, la quale, dopo aver partecipato ad un convegno dell'ADMO sui trapianti di midollo osseo svoltosi ad Ozieri durante lo scorso marzo, ha pensato di proporre ai direttivi ADMO-AIDO di organizzare una giornata con i giovani dell'A.C.G. di alcune Diocesi della Sardegna per approfondire questi temi con l'intento di sensibilizzare quanti più giovani possibile e dare quindi nuove speranze alla piccola Daniela e a tanti che come lei hanno estremo bisogno di un trapianto di midollo osseo per guarire.
L'ADMO e l'AIDO hanno accolto con entusiasmo la proposta, che dà la possibilità di raggiungere e informare tanti giovani contemporaneamente, e si sono mobilitati coinvolgendo per prima cosa il Comune di Ozieri che ha dato immediatamente la propria disponibilità a collaborare attraverso il sindaco Leonardo Ladu, gli assessori Filippo Fele, Beatrice Chessa e Bruno Farina.
I giovani si raduneranno ad Ozieri nel capiente capannone della fiera di San Nicola dove si snoderà l'intera giornata: dalle ore 9,30 alle 10 ci saranno gli arrivi e l'accoglienza dei giovani dell'Azione Cattolica G., dalle 10,30 alle 12 si terrà il convegno sul tema: Trapianti di midollo osseo e modalità di iscrizione al Registro dei Donatori, tenuto dalla dott.ssa Pirastru, responsabile del Centro Trasfusionale dell'Ospedale di Ozieri; alle ore 12,00 Mons. Gavino Leone officerà la Santa Messa.
Seguirà il pranzo al sacco e poi l'animazione.
La dott.ssa M. Gavina Pirastru, dopo aver spiegato cosa significa donare il midollo osseo, quali patologie possono essere guarite, come si diventa potenziali donatori e ci si iscrive al registro, risponderà alle domande di chiunque voglia porre dei quesiti.
Durante il dibattito vi saranno anche alcune testimonianze di donatori che racconteranno la propria esperienza.
Sarà possibile, durante la giornata, fare il piccolo prelievo di sangue che precede la tipizzazione. Infatti il Comune di Ozieri ha messo a disposizione un locale fresco e idoneo, nel nuovo padiglione fieristico, nel quale alcuni infermieri professionali e la stessa dott.ssa Pirastru potranno lavorare nel migliore dei modi.
L'Associazione Donatori di Midollo Osseo, l'Associazione Italiana Donatori di Organi e il Comune di Ozieri vorrebbero garantire a questi giovani, che arriveranno in città sulle ali della solidarietà, un'accoglienza calorosa per cui sarà fatto tutto ciò che sarà possibile per rendere il loro soggiorno piacevole e interessante.
Si prevede l'arrivo di centinaia di ragazzi per cui l'impegno degli organizzatori sarà sicuramente grande, ma l'occasione per diffondere il concetto della donazione è importante e non può andare sciupata.

  • Clicca qui per vedere il programma della giornata di approfondimento sul tema dei trapianti di midollo osseo



AIUTIAMO DANIELA

Daniela è una bambina di nove anni
affetta da Thalassemia

Ha urgente bisogno di un trapianto di midollo osseo.
Puoi aiutarla anche tu. Se hai dai 18 ai 45 anni
recandoti al più vicino ospedale e chiedere di fare

LA TIPIZZAZIONE

Un piccolo prelievo di sangue può
dare una grande speranza
a Daniela e a tante persone che hanno bisogno
del trapianto.

Non perdere tempo!!

Approfondimenti:

Cosa è l'ADMO

Fonte: sito web dell'ADMO www.admo.it

L'Associazione Donatori Midollo Osseo (ADMO) ha come scopo principale quello di informare la popolazione italiana sulla possibilità di combattere la leucemia e altre neoplasie del sangue attraverso la donazione e il trapianto di midollo osseo.
Sono molte le persone che ogni anno in Italia necessitano di trapianto, ma purtroppo la compatibilità genetica è un fattore molto raro, e ha maggiori probabilità di esistere tra consanguinei.
Per coloro che non hanno un donatore consanguineo la speranza di trovare un midollo compatibile per il trapianto ` dunque legata all'esistenza del maggior numero possibile di donatori volontari tipizzati, dei quali cioè sono già note le caratteristiche genetiche, registrate in una banca dati.
Si valuta che in Italia siano necessari circa 1.000 donatori effettivi all'anno.
Una stima che è destinata a subire un notevole aumento, se si tiene conto che il trapianto delle cellule staminali presenti nel midollo osseo è attualmente al centro di ricerche anche nel campo dei tumori solidi, mentre stanno diventando di routine alcune applicazioni in campo genetico, come è il caso delle talassemie.
In questo panorama, ADMO svolge un ruolo fondamentale di stimolo e coordinamento: fornisce agli interessati tutte le informazioni sulla donazione del midollo osseo e invia i potenziali donatori ai centri trasfusionali del Servizio Sanitario Nazionale, presso i quali vengono sottoposti alla tipizzazione HLA, che avviene con un semplice prelievo di sangue. I dati vengono poi inviati al Registro Italiano Donatori Midollo Osseo (IBMDR), nel più assoluto rispetto della normativa sulla Privacy (Decreto Legislativo 196/03).

Nel 1990, anno di nascita di ADMO, i donatori italiani erano 2.500: oggi sono oltre 323.000.

torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto