Vai a sottomenu e altri contenuti

Impianti di distribuzione della rete del gas

Data: 13/01/2009
Impianti di distribuzione della rete del gas

Affidata la concessione di realizzazione dei lavori e di gestione

L'amministrazione Comunale di Ozieri, in qualità di Capofila dell' 'Organismo di Bacino n. 9' costituito oltre che dallo stesso Comune di Ozieri, dai Comuni di Berchidda, Ittireddu e Tula, ha provveduto all'aggiudicazione della concessione dei lavori di: 'Progettazione, realizzazione e gestione dell'impianto di distribuzione del gas nei comuni di Berchidda, Ittireddu, Ozieri e Tula', all'Impresa 'CPL Concordia Soc. Coop.' con sede in Concordia sulla Secchia (MO); impresa accreditata operante nel settore e già aggiudicataria di diverse concessioni in ambito regionale fra le quali si può ricordare quella relativa all'Organismo di Bacino n. 4 - (Comuni di Osilo, Porto Torres, Sennori, Sorso e Stintino).

Ipitesi del percorso del metanodotto Algeria-Sardegna_Italia

Per la realizzazione delle opere è previsto un investimento complessivo di ?10.788.459,38 (esclusa iVA) a totale carico del concessionario ad esclusione di ?3.464.282,00 che saranno stanziati dalla Regione Sardegna in virtù della Deliberazione della Giunta Regionale n. 51/13 del 12/12/2006;
Il provvedimento dirigenziale di aggiudicazione definitiva in data 31/12/2008, conclude un complesso iter dettato dalla normativa sui 'lavori pubblici' in ambito U.E., nel rispetto dei termini programmatori imposti dalla Regione Sardegna.
Le fasi di gara ad evidenza pubblica hanno avuto inizio il 12 dicembre 2008, dopo di che la Commissione Giudicatrice, alla quale era stato demandato il compito di esaminare le offerte dei concorrenti partecipanti, procedendo a tappe forzate con grandissimo impegno, ha esplicato la valutazione della congruità ed accettabilità dell'unica offerta presentata, sulla scorta del progetto preliminare redatto dall'Ufficio Tecnico di Bacino e della ulteriore documentazione posta a base di gara.
In esito alla valutazione dell'offerta esaminata, la Commissione ha espresso parere positivo circa la completezza della proposta presentata, con riferimento alla dettagliata descrizione, individuazione e chiarezza di ogni singolo intervento, del materiale, delle apparecchiature impiegate e del tipo di lavorazioni previste nonchè in ordine all'entità, validità e attendibilità delle soluzioni tecniche progettuali adottate, anche in considerazione delle soluzioni che implicano migliori servizi ed economie per gli utenti e minori disagi ai cittadini.
Il contratto di concessione prevede: la progettazione definitiva ed esecutiva delle opere, previa acquisizione di necessari nullaosta; la realizzazione delle reti cittadine di distribuzione del gas per tutti i Comuni costituenti il bacino, mediante la posa interrata di idonea tubazione per complessivi 64,4 km, l'installazione dei gruppi di riduzione e delle ulteriori apparecchiature necessarie; la gestione del servizio di distribuzione del gas per 12 anni con decorrenza dalla data di entrata in esercizio della totalità delle reti di primo impianto e messa in gas metano delle stesse.
L'impianto in progetto è stato dimensionato per un regolare ed efficiente funzionamento con gas metano. Tuttavia, nell'attesa della costruzione del progetto GALSI (metanodotto Algeria - Sardegna - Italia), sarà possibile il funzionamento, in regime transitorio, a G.P.L.
L'erogazione di tale combustibile avverrà tramite più serbatoi di stoccaggio e relativo impianto di vaporizzazione.
L'impresa aggiudicataria si dice pronta a concludere le fasi inerenti la progettazione entro 10 mesi e prevede che nell'arco di ulteriori 12 mesi possano essere ultimati i lavori di costruzione della rete di distribuzione.
Per l'esecuzione dei lavori oltre alle tradizionali tecniche di posa verranno impiegate speciali tecnologie 'No-Dig' al fine di evitare lo scavo a cielo aperto così come il sistema di scavo a risucchio che consente di ridurre al minimo l'area d'intervento sulle pavimentazioni.
Contestualmente all'esecuzione di dette opere il concessionario, propone di eseguire l'installazione di un sistema di telecontrollo composto da un impianto di videosorveglianza e da un dispositivo anti-intrusione sui punti di consegna; l'attivazione di un sistema di controllo e di odorizzazione del gas e la predisposizione di un serbatoio odorizzante supplementare; il sistema informativo territoriale (SIT); l'individuazione dei servizi interrati. In particolare, contestualmente alla posa della condotta del gas, il concessionario intende sistemare un cavidotto multiservizio per usi alternativi (illuminazione pubblica, videosorveglianza, rete telematica) a disposizione delle amministrazioni comunali.


torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto