Vai a sottomenu e altri contenuti

Programma di Sviluppo Rurale

Data: 02/03/2009
Programma di Sviluppo Rurale

Martedì 3 Marzo un incontro formativo dedicato alla illustrazione della misura 121 del Programma, riguardante l'ammodernamento delle aziende agricole.

È prevista per Martedì 3 Marzo, alle ore 18,30 nella Sala Consiliare del Comune, l'incontro formativo dedicato alla illustrazione della misura 121 del Programma di Sviluppo Rurale, riguardante l'ammodernamento delle aziende agricole.
La riunione è stata promossa dall'Amministrazione comunale, nell'ambito delle attività programmate nell'ambito delle tematiche sviluppate all'interno dell'Osservatorio Permanente dell'Agricoltura.
La misura mette disposizione 60 milioni di euro con interventi finalizzati ad ammodernare le strutture e all'introduzione di tecnologie innovative per investimenti massimi di 800 mila euro. Il contributo a fondo perduto è fissato al 40 per cento per le zone non svantaggiate e fra il 50 e il 60 per quelle svantaggiate.
L'iniziativa, che sarà svolta in collaborazione con l'Agenzia Laore, Sportello di Ozieri, si terrà il 3 marzo, presso l'aula consiliare a partire dalle ore 18,30.
''L'appuntamento - precisa l'assessore alle attività produttive, Antonello Sgarangella - sarà l'occasione per conoscere e discutere con gli operatori del territorio le recenti disposizioni contenute nel bando pubblico per l'ammissione ai finanziamenti dei progetti individuali.''
Infatti, nonostante le conseguenze legate all'andamento climatico sfavorevole, che hanno ostacolato le semine delle coltivazioni autunno-vernine, con ripercussioni che non mancheranno di incidere negativamente sull'entità delle scorte di granella e sulla quantità e qualità dei foraggi prodotti, i finanziamenti contenuti all'interno del documento, rappresentano indubbiamente un'opportunità per proseguire il processo di innovazione delle imprese agro-zootecniche locali.
Nel corso dell'incontro saranno presentati, dall'agronomo Tommaso Betza, dell'Agenzia Laore e da altri esperti del comparto, i criteri di ammissibilità, la tipologia e i comparti interessati al finanziamento, nonché, i criteri di valutazione e le procedure operative.
''Gli imprenditori agricoli, precisa Betza, avranno circa un anno di tempo, che decorre dal 1° febbraio 2009 al 30 gennaio 2010, per presentare le domande di contributo. In quest'intervallo sono previste tre distinte sottofasi temporali. Le scadenze di queste ultime sono stabilite per il 29 maggio 2009, 30 settembre 2009 e, infine, il 30 gennaio 2010.
Le nuove procedure di adesione, che sono state semplificate,
conclude il tecnico, prevedono la presentazione della domanda on-line e successivamente in formato cartaceo''.
L'incontro, che non mancherà di richiamare numerosi operatori, rappresenta l'occasione per chiarire le possibilità di investimenti materiali e immateriali contenuti nel bando del Programma di Sviluppo Rurale.

MISURA 121 DEL PSR 2007-2013
Beneficiari
Possono presentare domanda le imprese agricole, singole e associate (cooperative, consorzi di cooperative, società agricole ex d.lgs 99/2004) iscritte nel registro delle imprese della CCIAA nella sezione speciale delle imprese agricole, con almeno un amministratore di età inferiore ai 65 anni, con una dimensione economica aziendale di 12 mila ? di reddito lordo standard, che abbiano disponibilità giuridica dei terreni per una durata di 7 o 12 anni a seconda dell'investimento.

    I comparti produttivi interessati
  • Caprino
  • Avicunicolo
  • Suinicolo
  • Olivicolo
  • Cerealicolo
  • Vitivinicolo
  • Florovivaismo
  • Piante aromatiche e officinali
  • Bovino da latte
  • Bovino da carne
  • Apicultura
  • Ortofrutticolo
  • Ovino
  • Settori minori (colture foraggere, cementiere, elicicoltura, allevamento selvaggina)

  • Intensità dell'aiuto e massimale di finanziamento
    La misura prevede la concessione di un contributo a fondo perduto rispettivamente pari a:
  • 40 per cento della spesa ammissibile per le aziende ricadenti in zone non svantaggiate
  • 50 per cento della spesa ammissibile per le aziende ricadenti in zone svantaggiate
  • 50 per cento per i ''giovani agricoltori'' di aziende ricadenti in zone non svantaggiate
  • 60 per cento per i ''giovani agricoltori'' di aziende ricadenti in zone svantaggiate

  • su un piano di spesa massimo di ? 800.000,00.
    Tipologia degli investimenti ammissibili
    In linea generale sono ammissibili le seguenti spese:
    Per investimenti materiali:
  • costruzione e ristrutturazione di strutture di servizio alle aziende agricole volte a migliorare standard di qualità delle produzioni e delle condizioni di lavoro e sicurezza
  • acquisto macchine agricole, mezzi di trasporto, macchinari, impianti tecnologici
  • riconversioni colturali
  • investimenti per tutela e miglioramento dell'ambiente e del paesaggio, delle acque, nonché per il miglioramento delle condizioni di igiene degli animali
  • investimenti per il risparmio energetico e tecnologie innovative
  • investimenti in strutture e attrezzature per la lavorazione, trasformazione e commercializzazione del prodotto agricolo
  • investimenti per il conseguimento di sistemi volontari di certificazione.

  • Per investimenti immateriali:
  • Software
  • Supporti tecnici per l'attivazione di sistemi di tracciabilità dei prodotti
  • Supporti tecnici per la valorizzazione commerciale dei prodotti agricoli
  • Acquisizione do know-how
  • Spese generali (redazione piano aziendale,progettazione, direzione lavori, ricerche e analisi, brevetti e licenze)

  • Non sono ammessi:
  • Acquisti di animali e piante annuali e poliennali a ciclo breve e loro messa a dimora
  • Acquisto di diritti di produzione, diritti di reimpianto vigneti
  • Acquisto dotazioni usate
  • Acquisto terreni e fabbricati e costruzione di nuove abitazioni
  • Acquisto veicoli non riconducibili alla categoria dei macchinari agricoli
  • Investimenti di adeguamento dell'azienda alla normativa in materia di ambiente, igiene e benessere degli animali
  • Drenaggi, impianti e opere per l'irrigazione, salvo che tali interventi garantiscono una riduzione di almeno il 25 per cento il precedente consumo d'acqua
  • Investimenti realizzabili con il sostegno delle OCM
  • Investimenti di mera sostituzione.

Le domande potranno essere presentate dal 1° febbraio 2009 al 30 gennaio 2010 e sono previste tre distinte fasi temporali per la predisposizione delle graduatorie 29 maggio 2009- 30 settembre 2009 - 30 gennaio 2010.

torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto