Vai a sottomenu e altri contenuti

La massima assemblea civica ha dedicato un toccante ricordo a Nanni Terrosu

Data: 05/10/2009
La massima assemblea civica ha dedicato un toccante ricordo a Nanni Terrosu

Il Consiglio Comunale, per unanime iniziativa della conferenza dei capigruppo ha voluto onorare la memoria di Nanni Terrosu, figura cardine della politica ozierese per oltre 50 anni.

Al Presidente, scomparso agli inizi di agosto, è stato riservato un omaggio non convenzionale, scevro dalla retorica ampollosa di ipocrite agiografie.
Con malcelata commozione il Presidente del Consiglio Comunale, dopo aver confermato ai familiari presenti in aula il sentimento di cordoglio della cittadinanza, ha ripercorso le tracce del complesso e appassionato cammino terreno dello scomparso.
Un intervento quello di Arca, assai apprezzato, per l'onestà intellettuale di un'esposizione, composta e solenne, che non ha trascurato di rimarcare anche le asprezze del dibattito interno nella smisurata e potentissima costellazione democristiana dell'epoca. Con accresciuta credibilità, insieme alla rievocazione degli inevitabili contrasti della politica locale, il Presidente dell'Assemblea ha reso onore alla straordinaria figura di un amministratore pubblico che ha potuto disporre di uno sconfinato potere senza mai abusarne, di un politico capace di estenuanti ma risolutive mediazioni, di un 'possidente' attento ai bisogni dei senza terra, di un imprenditore celeberrimo per le alzatacce pre aurorali, di un ozierese innamorato da sempre e per sempre della sua musa, l'amatissima moglie e della famiglia che insieme avevano costruito.
Antonio Arca ha voluto sottolineare che la Città proseguirà nell'intento di onorare nel modo più degno il suo illustre figlio Nanni Terrosu con ulteriori e specifiche iniziative.
Magistrale la prolusione del Consigliere Decano Ceppe Pani. Con alcuni brevi riquadri delle esperienze vissute fianco a fianco, l'autorevole vice capogruppo del PDL, ha rievocato aneddoti della comune militanza con 'Zio Nanni'. Lo conobbi quando io ero ancora un ragazzo ed egli era già una figura di spicco per Ozieri e per l'intera Sardegna. Mi fece superare da subito ogni imbarazzo dicendomi: 'mi devi chiamare Nanni'. Negli anni in cui era Assessore Comunale, Terrosu spesso convocava i colleghi amministratori nella sua fornitissima dispensa. Quando l'ora si faceva tarda non esitava ad intimare che di lì a qualche ora si sarebbe dovuto recare nella sua azienda, impegno al quale non avrebbe mai potuto rinunciare. Un grande uomo, un cittadino esemplare che ha fatto tanto per la sua Città. Grazie al suo impegno la sanità ozierese divenne un modello imitato e invidiato in Sardegna e nell'Italia intera.
Anche il Presidente della Commissione Sanità, il socialista Gigi Sarobba ha ricordato, con evidente emozione, l'umanità di Nanni Terrosu, la sua capacità di parlare con la gente capendone immediatamente le necessità, la sua straordinaria attitudine a ottenere benefici per la Città.
Sarobba si è reso protagonista di un'iniziativa tendente a intitolare al Presidente Terrosu un immobile di pregio della Città, preferibilmente da individuare fra quelli destinati alle finalità del servizio sanitario.


(Sintesi degli interventi a cura del Segretario Generale Dr. Antonino Puledda

______________

La redazione del sito si riserva di rendere disponibili le trascrizioni integrali degli interventi.

torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto